BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Terremoto Garfagnana oggi: allarme via Twitter. Notizie e novità

Allarme terremoto in Garfagnana: in molti hanno trascorso la notte in strada



La terra alla fine non ha tremato ma in molti, questa notte in Garfagnana, hanno preferito dormire per strada dopo un forte allarme terremoto lanciato via Twitter, dopo le piccole scosse dei giorni scorsi.

Il tweet postato alle 22:19 del Comune di Castelnuovo Garfagnana consigliava di uscire di casa e rimanere all'aperto.  La Provincia di Lucca, in una nota, sostiene che il dipartimento nazionale di protezione civile ha comunicato che nelle prossime ore potrebbero verificarsi altre scosse di terremoto con epicentro in prossimità di Castelnuovo di Garfagnana.

L’annuncio è arrivato dopo che l'Ingv (Istituto nazionale di geologia e vulcanologia)  ha analizzato la sequenza delle scosse di ieri in Garfagnana ed in particolare la loro provenienza che, in base ad alcuni modelli, avrebbe prospettatp la possibilità di altre scosse nelle prossime ore con epicentro nella zona di Castelnuovo Garfagnana, lo stesso epicentro del sisma del 1985.

L'Ingv lo ha segnalato al dipartimento della Protezione civile che a sua volta lo ha girato alle Regioni. La provincia di Lucca ha poi avvisato i sindaci della zona, ma nei comuni non ci sarebbe stato un ordine di evacuazione, ma un avviso alla popolazione con l'allestimento di alcuni punti di raccolta nella zona, in Garfagana e nella Media Valle del Serchio, per trascorrere la notte.

Nonostante non sia fortunatamente accaduto nulla, Nicola Boggi, responsabile della protezione civile della Media Valle del Serchio, ha spiegato che “In via precauzionale abbiamo attivato il piano operativo previsto in questi casi e abbiamo condiviso con i sindaci l'opportunità di farlo”, e secondo il presidente della Provincia di Lucca, Stefano Baccelli, "Quella data ai Comuni della Garfagnana e della Media Valle del Serchio sulla possibilità di nuove scosse è stata una corretta e doverosa informazione in via cautelare”.

Per avere, comunque, aggiornamenti in tempo reale è possibile seguire via pc o su cellulare il sito ufficiale dell'Ingv oltre a quello dei Comuni delle zone interessate.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il