BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: Pdl lancia soluzione. Pd e Lista Monti pronti ad intervenire dopo elezioni 2013

Le forze politiche pronte a chiudere la questione esodati: cosa cambierà dopo le prossime elezioni?



Dopo l’annuncio del ministro del Lavoro, Elsa Fornero, che ha assicurato che le lettere per i primi 65mila esodati arriveranno dal questo mese di febbraio, e dopo la pubblicazione del decreto di salvaguardia per gli altri 55mila tutelati individuati, la questione esodati sembrava arrivata ormai ad un punto non di conclusione ma quanto meno di prime soluzioni definitive per la prima platea dei 130mila individuati.

Ma non ci si ferma qui: alle soglie delle elezioni politiche 2013, le forze politiche tornano a parlare di questione esodati come una delle emergenze italiane da risolvere definitivamente in maniera urgente.

E, tra Imu, lavoro e imprese, non poteva non esprimersi in merito Silvio Berlusconi che ha annunciato: ''Interverremo nei primi Cdm per risolvere il problema degli esodati creato da questo governo”. Ma non è l’unico ad elargire promesse in questo senso.

Intanto, il candidato premier, Perluigi Bersani, qualche tempo fa, proprio sulla questione esdoati, ha attacca fortemente il lavoro del governo Monti in merito. “E' arrivato il momento di guardare in faccia la gente. Non accetto di vedermi fare le pulci da chi non pronuncia nemmeno la parola ‘esodati’, non pronuncia la parola del fenomeno che ha creato.

Non mi faccio fare le pulci da chi ha creato i problemi: voglio sentire tutti pronunciare la parola esodati. Se toccherà a me andare a Palazzo Chigi, nella famosa Sala Verde della concertazione non entreranno solo sindacati e Confindustria, ma anche il mondo del volontariato, del terzo settore e del privato sociale per dire al Paese quali sono i bisogni reali della gente”.

Ed anche dalla Lista di Mario Monti, lo stesso ex premier dimissionario durante il quale governo si è creato proprio il problema degli esodatoi, spiega la possibile soluzione cui il neo nato partito sta pensando per ‘sistemare’ definitivamente tutti gli esodati, nonostante ancora non vi siano numeri chiari e definitivi: secondo la Cgil, infatti, oltre ai 130mila tutelati, vi sarebbero ancora 200mila persone in attesa di tutele, mentre l’Inps parla di altre cifre ancora.

La lista Monti, comunque, prevede, per la tutela degli esodati, l’uso totale del fondo di solidarietà nato con la legge di Stabilità o la possibilità di trovare nuove opportunità di lavoro, potenziando i servizi per l’impiego e riordinando quelli pubblici. 

Dal canto loro, però, i lavoratori appartenenti a questa categoria chiedono al prossimo governo  di riprendere in considerazione la proposta che avrebbe consentito a tutti i lavoratori interessati dalle penalizzazioni della riforma Fornero di andare in pensione con le norme precedenti alla nuova disciplina.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il