BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rimborso per aumenti bollette acqua: restituzione non compensazione. Ecco come avverrà

Rimborso bollette acqua: come fare



I cittadini italiani riceveranno il rimborso per i pagamenti in più di bollette dell’acqua corrisposti dal 21 luglio al 31 dicembre 2011, cioè dopo il referendum del giugno 2011 che abolì la remunerazione del 7% del capitale investito e prima della messa in atto del nuovo regolamento, in vigore da gennaio 2012.

Questo quanto stabilito dal parere che il Consiglio di Stato ha dato all’Autorità per l’energia a proposito delle conseguenze pratiche del referendum di quel periodo.

Secondo il Consiglio di Stato, infatti, le bollette dell’acqua riguardanti quei sei mesi dopo il referendum ‘non sono coerenti con il quadro normativo generato dalla consultazione, nella fattispecie a essere in contrasto con il referendum è il parametro dell’adeguatezza della remunerazione dell’investimento’.

Pertanto lo stesso organo giurisdizionale ha deliberato che sia l’Autorità per l’energia a prendere la decisione su che criterio adottare per restituire ai contribuenti quel 7% di remunerazione del capitale in eccesso.

Dal canto suo, l’Autorità ha già preso la propria decisione avviando un procedimento che esclude il metodo del conguaglio in bolletta prevede invece la restituzione. Toccheà, dunque, ai gestori restituire quello i pagamenti in eccesso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il