BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Assicurazioni auto 2013: tariffe e costi sempre più alti. Aumenti anche per colpa delle province

Rialzi rc auto in tutta Italia: quanto costano le assicurazioni auto e moto



I costi delle assicurazioni auto in Italia si rivelano i più cari d'Europa: per esempio, se a Napoli un giovane neopatentato arriva a spendere 2.500 euro l’anno, a Berlino o Monaco un suo coetaneo spende circa la metà.

Peggio va per le due ruote, per cui la copertura obbligatoria costa anche dieci volte di più. I costi delle assicurazioni crescono anche per le tasse imposte dalle Province.

Aliquota Rc auto, tariffe sul registro automobilistico e tributo ambientale: sono queste le leve su cui le amministrazioni possono azionare per compensare i tagli ai trasferimenti portati dalle ultime manovre. E, alla prova dei fatti, quasi tutte stanno facendo ricorso ai rincari.

Le Province, nel 2012, hanno rivisto al rialzo, innanzitutto, l'aliquota della Rc auto, portandola dal 12,5% al 16% del premio, come per esempio il caso di Livorno che passerà al 16% a partire da giugno 2012, ricavando 17 milioni dalla nuova aliquota, lasciando però fermi gli altri due tributi.

Lo stesso è accaduto a Fermo, dove è scattato l'aumento dell'aliquota Rc auto mentre sono rimaste ferme le maggiorazioni sulle tariffe per il registro automobilistico, che variano dal 20 al 30% (a seconda dell'auto). Ad Agrigento, invece, pur avendo alzato la quota sulle polizze assicurative, si è lasciato al 4% il tributo ambientale.

Nella Provincia di Monza e Brianza, infatti, c'è stato solo l'aggiornamento delle aliquote Rc auto al 16% con una maggiore entrata attesa pari a circa 6 milioni. Mentre la maggiorazione al tributo ambientale era già al 5%, il massimo previsto.

Salgono anche le assicurazioni per le moto e assicurare uno scooter 200 cc una quarantenne paga, per esempio, il 12,2% in più di un anno fa: questo quanto emerge da un'indagine dell'istituto di vigilanza sulle assicurazioni sulle tariffe praticate dalle compagnie dal settembre 2011 fino al 31 ottobre dello scorso anno.

L'autorithy ha esaminato 21 province rilevando le differenze fra sesso e mezzi e, a livello locale, si osserva una forte differenziazione tra regioni settentrionali e regioni meridionali e gli incrementi risultano più elevati nel blocco delle province meridionali e più contenuti nelle province settentrionali.


 
Autore:

Marcello Tansini

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il