BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cud 2013: le novità del modello. Scadenza 28 febbraio 2013

Disponibile online il nuovo modello Cud 2013: le novità



E' fissato per il prossimo il 28 febbraio 2013 il termine di presentazione della certificazione unica relativa all'anno 2012 dei redditi di lavoro dipendente ed è disponibile online il Modello Cud 2013, cioè Certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, assimilati e di pensione, rilasciata dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico per poter attestare le somme erogate e la relative ritenute effettuate e versate all'Erario.

Il Cud al contribuente può trasmesso anche in formato digitale, mentre il rilascio in forma cartacea è obbligatoria per gli eredi o per i dipendenti che hanno interrotto il rapporto di lavoro.

Tre le parti che compongono il modello 2013: la prima, parte A, è quella dove devono essere riportati i dati generali del lavoratore, pensionato o chi percepisce lo stipendio; la seconda, parte B, è relativa ai dati per l'eventuale compilazione della dichiarazione dei redditi, altri dati, dati relativi ai conguagli, somme erogate per l'incremento della produttività del lavoro, redditi assoggettati a ritenuti d'imposta, compensi relativi ad anni precedenti, Tfr e indennità equipollenti, altre indennità e prestazioni in forma di capitale soggette a tassazione separata; infine la terza parte, la C, prevede che vengano riportati i dati previdenziali e assistenziali Inps per lavoratori subordinati, collaboratori coordinati e continuativi e Inps gestione ex Inpdap.

Diverse poi le novità introdotte nel modello Cud 2013, a partire dalle agevolazioni sulle somme erogate ai lavoratori per l'incremento della produttività; all'agevolazione riservata ai lavoratori che, dopo aver svolto attività lavorative all'estero, rientrano in Italia, e che consiste in una riduzione dell'imponibile fiscale dell'80% per le donne e del 70% per gli uomini; alla detrazione per il personale impiegato nel comparto della sicurezza, prevista per il 2013 per un importo di 145,75 euro.

Infine, sono stati introdotti due nuovi soggetti a cui destinare l'8 per mille. Si tratta della Sacra Arcidiocesi ortodossa d'Italia ed Esarcato per l'Europa e della Chiesa Apostolica in Italia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il