BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Lavoro 2013: le assunzioni previste in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e altre regioni italiane

Dove si assumerà di più: soffriranno maggiormente i giovani del Sud


Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Lazio: sono queste alcune delle regioni italiane che prevederanno nei prossimi mesi le maggiori assunzioni lavorative, mentre a soffrire maggiormente delle minori opportunità lavorative saranno i giovani del Sud, in particolare della Puglia e della Sardegna: questo quanto emerge da una ricerca della Fondazione Sussidiarietà, condotta in collaborazione con il dipartimento di sociologia dell'Università Cattolica e del Consorzio interuniversitario AlmaLaurea.

Inoltre, emerge che le aziende italiane prevedono di assumere nel primo trimestre dell'anno poco meno di 140mila lavoratori, e meno di 3 su 10 saranno giovani: si tratta di 38.600 posizioni, di cui poco più di 33mila non stagionali, il 26% in meno di un anno fa.

Per il complesso delle assunzioni (senza distinzione d'età) la flessione è del 9,4%: il risultato è che la quota di assunzioni riservate ai giovani è scesa dal 34% di un anno fa al 28%. Sempre dalla ricerca emerge che, su un campione di 5.750 laureati, il 53% ha un'adattabilità elevata e che il 63% degli uomini e il 60% dei residenti al Centro-Sud (10 punti in più rispetto al Nord) è disponibile a trasferire la propria residenza in altra città o altro paese e a svolgere lunghi trasferimenti casa/lavoro. Risultano, invece, più disposti agli spostamenti gli ingegneri (60%).

Per sapere ulteriori informazioni cliccare qui:


http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/SoleOnLine5/_Oggetti_Correlati/Documenti/Notizie/2013/02/giovani-previsioni-assunzioni.pdf?uuid=499380b4-7139-11e2-b894-86f7ef4b65f6




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il 08/02/2013 alle ore 08:35