BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni invalidità civile donne 2013 a rischio con Riforma Fornero. Possibile restituzione soldi

Donne a rischio pensione invalidità: domani la sentenza della Cassazione



A rischio le pensioni di invalidità civile per le donne: secondo la legge si può avere la pensione di invalidità solo se il reddito è inferiore a 16.500 euro l'anno; mentre per l'assegno di invalidità bisogna scendere sotto i 4650 euro l'anno.

E’ tuttavia arrivata in Corte di Cassazione una questione fondamentale e cioè quella che riguarda il quesito se la cifra vale per il richiedente o per il nucleo familiare. Con 16 mila euro l'anno, due persone fanno fatica a vivere e vivere con 4650 euro l'anno è semplicemente impossibile.

Questo significa la cancellazione di migliaia di assegni e di pensioni di invalidità e, solitamente, il coniuge debole che verrebbe colpito è la donna. Decine di migliaia di donne potrebbero infatti perdere la pensione di invalidità civile anzi, dovranno addirittura restituire quanto percepito da dieci anni in qua.

Il limite di reddito per ottenere la pensione o l’assegno di invalidità è stato individuale, fissato rispettivamente a 16mila 500 e 4mila 650 euro all’anno a seconda della percentuale di perdita della capacità lavorativa.

Ma ora gli stessi livelli di reddito massimo diventano coniugali e ad essere più penalizzate sono le donne perché tre quarti di questi assegni sono destinati proprio a loro. Intanto, domani, mercoledì 13 febbraio, saranno i giudici della sezione Lavoro della corte di Cassazione a decidere sui livelli di reddito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il