BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni Lombardia 2013 regionali:Ambrosoli e Pd possono vincere su Maroni, Lega e Pdl dopo scandali

Scadali Finmeccanica e Maugeri: quanto penalizzeranno alle elezioni?



Lo scandalo Finmeccanica che ha portato all’arresto del presidente Giuseppe Orsi con l'accusa di corruzione internazionale, peculato e concussione, per le presunte tangenti che sarebbero state pagate per la vendita di 12 elicotteri all'India, presidente Orsi che sarebbe stato scelto dai leghisti Roberto Maroni, Giancarlo Giorgetti, Roberto Calderoli e l'allora sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, nonostante il segretario della Lega, Maroni, neghi il coinvolgimento del suo partito nell'indicazione di Orsi, potrebbe rappresentare una forte penalizzazione per i risultati delle prossime elezioni politiche, ormai alle porte, che si volgeranno i prossimi 24 e 25 febbraio.

Ma Maroni chiarisce: “La Lega non c’entra nulla e se qualcuno farà insinuazioni su questo ne risponderà in sede civile e penale. Orsi fu nominato dal consiglio dei ministri” e mette le mani avanti sostenendo la non responsabilità della Lega sulla nomina dell’uomo che ha guidato la principale industria del paese.

Ma nell’ordinanza dell’arresto è riportato che Orsi è in quota Lega e che fu imposto da Maroni e Calderoli, fatto messo a verbale dall'amministratore delegato di Ansaldo Energie Luciano Zampini, sentito dai magistrati di Busto Arsizio lo scorso 14 novembre.

L'ad avrebbe detto: “Letta e Berlusconi erano per la mia nomina, Tremonti non era in disaccordo, solo la Lega spingeva per l’ingegner Orsi”. Una pressione forte che portò alla nomina dopo una riunione con Maroni, Calderoli, Giorgetti e Letta. Ora i leghisti temono per l’esito delle elezioni e soprattutto che da qui al voto vi sarà una continua diffusione di notizie sui legami pericolosi di Orsi.

E questo rischierebbe di far uscire il Carroccio a pezzi. E qualche penalizzazione potrebbe subirla anche il Pdl, dopo lo scandalo Maugeri che ha, invece, coinvolto l’ex presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni.

Intanto è partita l'Operazione Ohio, che allude come immaginabile allo stato americano che più di tutti  nei sondaggi traballa a ogni elezione tra democratici e repubblicani e che può alla fine risultare decisivo per la scelta del presidente.

Il piccolo Ohio d'Italia sarebbe la Lombardia, dove centrosinistra e centrodestra lottano in maniera serrata per la conquista del premio di maggioranza al senato, premio che potrebbe determinare oggi la maggioranza assoluta anche a Palazzo Madama per la coalizione tra Pd e Sel.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il