BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Btp e Bot non garantiti più dallo Stato nel 2013 con fondo Salva Stati

Cosa cambia con il fondo salva stati per Bot e Btp



Bot e Btp non saranno più garantiti dallo Stato: come è stato, infatti, stabilito nel trattato che istituisce il fondo salva stati (ESM), tutti i paesi europei sono dovranno ricorrere alle Clausole di Azione Collettiva (CAC) sui propri titoli di debito pubblico di nuova emissione.

Si tratta di clausole vessatorie previste sui nuovi titoli di stato di durata superiore a 12 mesi, emessi da ogni paese europeo aderente all’ESM, con la prima cedola scadente a partire dalla data del 1 gennaio 2013.

Le nuove Clausole offrono a uno stato che versa in una condizione di crisi del debito sovrano di ricontrattare interessi, scadenze e di proporre agli investitori lo scambio con obbligazioni di diversa tipologia.

Ciò significa che ogni paese europeo potrà liberamente rinegoziare la propria esposizione debitoria con gli investitori. Il rendimento di questa nuova tipologia di titoli pubblici sarebbe più alto rispetto a quelli tradizionali, per il rischio di ricontrattazione in negativo dei titoli da parte dello stato, in caso di rischio del suo default.

Se così fosse, però, verrebbe meno quell’assunto da sempre paventato secondo il quale investire in titoli di stato sarebbe un investimento sicuro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il