BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Terremoto Lazio a Roma e Frosinone. Sentito anche a Napoli e l'Aquila. La situazione aggiornata

Una nuova scossa di terremoto colpisce l’Italia: epicentro e danni



E’ tornata a tremare la terra in Italia: questa volta il sisma, di magnitudo 4,8 gradi della scala Richter, è stato registrato a dieci chilometri di profondità tra Roma e Napoli, nella provincia di Frosinone, alle 22.16 di sabato 16 febbraio.

L’epicentro è stato tra i comuni di Sora e Isola Liri, nella zona dei monti Ernici-Simbruini, ma il terremoto è stato avvertito in un'ampia zona della Ciociaria, dal nord fino al sud della provincia e in diversi comuni dell'alta Valle Aniene, in provincia di Roma, nella Capitale, in Abruzzo, Campania, Molise.

E nella notte, un'altra scossa, di 3,7 gradi, ha spaventato L'Aquila, caduta di nuovo in una grande paura, ma senza provocare alcun danno a cose o persone.

La scossa di terremoto di sabato sera non ha provocato alcun danno rilevante, ma una donna di 63 anni di Isola Liri è morta poco dopo il sisma. Si tratta di un’anziana, cardiopatica, che si è sentita male probabilmente per lo spavento nei minuti successivi alla prima scossa ed è stata trasferita in codice rosso all'ospedale di Sora, dove è deceduta.

Circa un'ora dopo, sempre nella stessa zona, è stata avvertita una seconda scossa di magnitudo 2.3 sulla scala Richter. Per il resto sono stati denunciati solo danni lievi, come abitazioni lesionate nel Sorano, piccole crepe che i vigili del fuoco del comando provinciale di Frosinone stanno verificando in diversi comuni tra Sora, Isola Liri, Broccostella, Campoli Appennino e Casalvieri.

A Roma, la prima scossa è stata avvertita distintamente: le case hanno tremato nei quartieri Est, e Sud, in zona San Giovanni, all'Eur, e a Prati. Il sisma si è sentito anche in Campania, soprattutto in provincia di Caserta.

A Sora, Comune più colpito, sono state chiuse tutte le 25 chiese, poi riaperte dopo controlli strutturali da parte di vigili del fuoco e protezione civile.

In tutto, però, 400 persone hanno trascorso la notte di sabato in due tensostrutture riscaldate nei campi sportivi Tomeni e Panico. Oggi lunedì 18 febbraio, scuole chiuse a Sora, Broccostella, Isola Liri, Monte San Giovanni Campano, Arpino, Fontechiari, Alvito, Ripi e Boville.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il