BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ilva Taranto: nuovo allarme inquinamento. Continuano scontri tra azienda, giudici e Governo

Una nube di fumi inquina ancora Taranto: cosa è successo e situazione



Una nube nera all’altezza dell’altoforno 5 dello stabilimento siderurgico dell’Ilva ha creato un nuovo allarme inquinamento a Taranto: secondo una prima ricostruzione il fenomeno sarebbe da attribuire al cattivo funzionamento di una valvola e sono in corso gli esami per rilevare gli eventuali effetti sulla qualità dell'aria.

Il problema è stato segnalato dall’Ilva stessa che ha reso noto che “a causa di un problema tecnico di natura elettro-strumentale, si è registrata la fuoriuscita di fumi dalla bocca dell'Altoforno n. 5.

L'evento, della durata meno di un minuto, è stato determinato dall'improvviso blocco di una turbina conseguentemente all'apertura di un interruttore ausiliario di un quadro elettrico.

Il blocco ha determinato l'avaria del sistema di regolazione della pressione del gas di bocca dell'altoforno, facendo così scattare i sistemi di sicurezza con l'apertura automatica dei Bleender (valvole di sicurezza) a causa dell'aumento di pressione.

Tempestivamente registrata l'anomalia, gli operatori di sala hanno immediatamente provveduto a diminuire la portata del vento caldo di altoforno con conseguente immediata diminuzione della pressione del gas di bocca e chiusura manuale delle stesse valvole di sicurezza.

Nessuna conseguenza per le persone e gli impianti e non si registrano emissioni di sostanze pericolose. Dell'accaduto, come da procedura, è stata informata la direzione provinciale dell'Arpa’.

Ma il problema sembra in realtà grave, perchè le nubi e i fumi tossici continuano a fuoriuscire copiosi dall'area Ilva di Taranto, invadendo la città e, soprattutto, i quartieri limitrofi allo stabilimento. La denuncia è arrivata del presidente della onlus Fondo Antidiossina Taranto, Fabio Matacchiera, che ha girato un nuovo video-documento nella notte fra il 14 e 15 febbraio nel complesso siderurgico del capoluogo ionico. Intanto continuano gli scontri tra azienda e governo sul futuro dello stabilimento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il