Soluzione Esodati 2013: un dramma per Monti. Necessario risolvere il problema

Monti, esodati: “Un dramma cui trovare una soluzione”. Il caso di una lavoratrice



Mentre i partiti politiche in corsa alle prossime elezioni, ormai alle porte che si terranno domenica 24 e lunedì 25 febbraio, fanno promesse e assicurazioni soluzioni definitive all’indomani dell’esito delle votazioni e della costituzione del nuovo governo, il dimissionario Mario Monti torna a parlare della tanto discussa questione esodati, definendola “un dramma a cui bisogna trovare una soluzione.

Pagine altrettanto sporche e più colpevoli rispetto alla vicenda degli esodati si sono avute in vent'anni, spesso di vacche grasse, in cui i politici hanno solo parlato e non agito, rimandando il problema della riforma delle pensioni”.

Queste le parole di Monti in risposta ad una lavoratrice esodata, che ha definito vergognosa e sporca la riforma pensioni, che l'ha costretta a vivere, in attesa della pensione, con 200 euro mensili di pensione di reversibilità. Monti ha aggiunto: “E' una cosa tremenda, un dramma. Ha tutta la mia solidarietà e simpatia umana”, ma poi ha spiegato: “E' un tema di tale serietà e pesantezza ma il sistema delle pensioni andava cambiato, si diceva da tanti anni e non e' mai stato fatto.

Quali conseguenze ci sarebbero state del tirare a campare? Lo Stato non sarebbe arrivato nel 2012 a pagare gli stipendi e le pensioni. E i giovani italiani non avrebbero mai avuto la pensione, milioni di giovani. Non eravamo in condizioni sostenibili per colpa della politica che ha sempre rinviato. Noi abbiamo fatto in 3 settimane ciò che non era stato fatto per anni. Era una situazione drammatica”.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il