BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni 2013: affluenza in calo. Movimento 5 Stelle, Pd, Pdl, Lista Monti chi ne può beneficiare?

Cala l’affluenza alle urne: le conseguenze



Ha votato finora il 55,17% degli aventi diritto al voto, contro il 62,55% di cinque anni fa, un’affluenza decisamente in calo rispetto allo stesso momento del 2008 e già ieri, domenica 24 febbraio, primo giorno di elezioni, si era delineato questo trend. Oggi seggi ancora aperti dalle 7 alle 15. Le politiche trascinano però le regionali: +9%.

C’è chi si chiede chi ne trarrebbe vantaggio da una minore affluenza alle urne e qualcuno pensa possano essere Grillo o Berlusconi, ripensando a cinque anni fa quando il centrodestra beneficiò di quell'80% di elettori che si recarono alle urne.

Se crolla alle 22 l'affluenza alle urne per le elezioni politiche, aumenta di quasi 9 punti per le regionali nel Lazio, Lombardia e in Molise. Questo il quadro della rilevazione dell'affluenza relativo alle ore 22 di ieri che ha visto, rispetto al dato delle ore 19, un calo accentuato del numero dei votanti per le politiche rispetto al 2008, soprattutto a causa del maltempo che sta imperversando su tutta Italia.

La proiezione sull'affluenza finale, ammesso che sia corretta la valutazione di un 75-76%, con l’irruzione del partito di Beppe Grillo sulla scena nazionale, potrebbe portare a meno voti in assoluto da distribuire fra le forze politiche tradizionali e poi bisognerebbe calcolare il peso relativo della nuova realtà a Cinque Stelle.

Bisognerà valutare se esiste in Parlamento una maggioranza politica fra forze omogenee in grado di garantire un minimo di stabilità e non sarebbe realistico immaginare un patto di governo fra Bersani e Berlusconi. Balza invece al 55,71% (dato aggregato) l'affluenza per le regionali: era stata del 46,86% alle ultime regionali, crescendo quindi di circa 9 punti.

In particolare, è stata molto forte l'affluenza alle urne per le regionali in Lombardia: alle 22 di ieri aveva votato il 57,87%; alle precedenti regionali del 2010, l'affluenza, alla stessa ora, era stata del 49,31%, dunque ieri è stata circa 8 punti in più rispetto al 2010. In forte crescita anche a Milano città dove ha votato il 57,05% (47,10% alle precedenti).

Ancora meglio il Lazio, dove sono andati alle urne il 53,19% degli aventi diritto. Alle precedenti regionali, l'affluenza alle urne, alla stessa ora, era stata del 43,39%. Record affluenza a Roma.Cresce, ma in misura minore, l'affluenza alle regionali anche in Molise.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il