BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ilva Taranto: incidente oggi 28 Febbraio 2013. Un morto. E ci sono anche altri problemi di sicurezza

Ilva: crolla ponteggio e muore 42enne. Ferito un altro operaio



Tra problemi ambientali e quelli legati alla cassa integrazioni per migliaia di operai dell’Ilva di Taranto, spunta ora anche il problema sicurezza. Un operaio è morto e un altro è rimasto ferito in un incidente allo stabilimento. L'incidente è avvenuto alla batteria 9 delle cokerie ed è stato causato dal crollo di ponteggio verificatosi alle 5 di questa mattina.

La vittima aveva 42 anni e si chiamava Ciro Moccia; il lavoratore rimasto ferito si chiama, invece, Antonio Liti, ed è un dipendente della ditta interna Mir.

I due sarebbero caduti mentre erano insieme al lavoro sul piano di carico della batteria n.9 delle cokerie. Gravi le condizioni di Liti che però non è in pericolo di vita.

I problemi della sicurezza Ilva erano, in realtà, emersi già da tempo, da quando l’assessore regionale alle Opere pubbliche e alla protezione civile, Fabiano Amati, aveva rilevato che le gallerie Ilva scavate sotto il rione Tamburi sono pericolose.

L’assessore pugliese ha inviato una lettera al sindaco di Taranto Ippazio Stefano sulla pericolosità di quei tunnel, scavati per consentire allo stabilimento di approvvigionarsi dal mar piccolo dell’acqua da adoperare nel raffreddamento dei giganteschi impianti. Amati ha invitato il primo cittadino ad “assumere con urgenza specifiche iniziative a garanzia della pubblica e privata incolumità”.

Amati ha spiegato che, a seguito di sollecitazioni della Regione, l’Ilva ha fornito una serie di documenti, specificando però che al momento non è stato avviato alcun intervento di messa in sicurezza della galleria due.

I tecnici regionali e quelli dell'Autorità di Bacino della Puglia hanno , dunque, deciso, secondo quanto spiegato dall'assessore , che è diventato necessario di intraprendere specifiche urgenti opere di messa in sicurezza e di avviare un lavoro di approfondimento dello stato di sicurezza dei luoghi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il