Programma PD: gli 8 punti su cui Bersani chiede la fiducia a PDL, M5S

Un programma in otto punti preciso ed esigibile: Bersani spiega il suo piano



Il leader del Pd, Pierluigi Bersani, ha presentato ieri, ospite a ‘Che tempo che fa’ di Fabio Fazio su Rai Tre, otto punti di un programma definito preciso ed esigibile che presenterà in Parlamento.

Prima di tutto, avverte, proporrà una legge contro la corruzione e contro la mafia; una sul conflitto d'interessi; misure per una politica più sobria e meno cara; una riforma dei partiti; interventi immediati su urgenza sociale, economia e diritti, come quello di cittadinanza e delle coppie omosessuali, sulla scuola e il diritto allo studio.

Si tratta per Bersani di “un insieme di punti urgenti dal lato democratico e da quello sociale. Se non si parte così credo che difficilmente aggiusteremo le cose”. E rivolgendosi a Beppe Grillo dice: “Lo dico a Grillo che gioca a fare l'uomo mascherato: io non apro tavolini e non sto qui a scambiare le sedie. Ha un movimento che ha un terzo dei parlamentari, decida che vuole fare altrimenti andiamo tutti a casa, anche lui”.

E spiega: “Nel M5S, ci sono cose di sinistra e cose che non lo sono affatto. Grillo non vuole che un figlio di immigrati nato qui sia italiano e mi sembra molto tiepido sull'evasione fiscale. Questo non è di sinistra. Con lui ci sono punti di dissenso radicale. Chi vuol stare fuori da euro non sa cosa dice”.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il