BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spread Btp-Bund in calo a 320 nonostante elezioni e crisi politica. E i tedeschi ci comprano

Cala lo spread e i Paesi forti acquistano titoli italiani: cosa sta succedendo



Chiusura in negativo per la Borsa di Milano, con l'indice Ftse Mib che perde lo 0,47% a 15.899,7 punti. Deboli anche le altre piazze europee dopo che Wall Street ha ridotto i guadagni segnati in apertura a causa del calo degli ordini all'industria.

A Francoforte il Dax registra un progresso dello 0,62% a 7.919 punti, mentre a Parigi il Cac 40 cede lo 0,35% a 3.773. In progresso Amsterdam +0,25%, lieve flessione invece per Londra a quota 6.427 (-0,07%). In rosso Madrid -0,76%, Lisbona -0,95% e Zurigo -0,26%.

Si attesta a quota 320 punti lo spread fra Btp e Bund tedeschi. Ciò che si registra in questo momento è che le grandi assicurazioni tedesche e del nord Europa comprano titoli obbligazionari a lunghissima scadenza dei Paesi periferici, italiani inclusi, perchè i bond dei loro Stati non hanno rendimenti abbastanza elevati da garantire la loro operatività.

Sono le assicurazioni dei Paesi forti ad acquistarli e le tendenze si orientano soprattutto verso il nuovo Btp quindicennale emesso a gennaio emesso dal ministero del Tesoro e il bond quindicennale emesso dall'italiana Hera a fine gennaio, andato a ruba fuori dai confini nazionali.

E' stato, infatti, comprato per il 29% da investitori inglesi, per il 17% da tedeschi, per il 12% da francesi. Molto ricercato anche dalle assicurazioni, grazie al suo tasso d'interesse. Hera offre, infatti, il 5,20% il Btp quindicennale il 5,25%. Il Bund di uguale scadenza appena l'1,9%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il