BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Inceneritore Albano bloccato da Tar. Le prossime decisioni l'8 e il 28 marzo 2013

Albano: Tar blocca lavori inceneritore. Soddisfatto il sindaco



Sono stati bloccati i lavori di costruzione dell'inceneritore di Albano. Il Tar del Lazio ha deciso la sospensiva con provvedimento urgente monocratico, cioè non impugnabile in Consiglio di Stato.

Il giudice amministrativo ha quindi fissato per il 28 marzo la camera di consiglio per la discussione di merito. Il sindaco di Albano Laziale Nicola Marini, sull'accoglimento della richiesta di sospensiva presentata dal Comune al Tar avverso la determina dirigenziale regionale con cui si dava l'avvio al cantiere dell'inceneritore, ha detto: “Sono estremamente soddisfatto per questo importante risultato.

La nostra azione amministrativa ha avuto ragione. Il Tar ha riconosciuto che sussistono i presupposti, come da noi sostenuto, per sospendere l'inizio dei lavori di costruzione dell'inceneritore, in quanto il sito, che è anche sede di discarica, è potenzialmente inquinato.

Questa decisione ci darà anche maggiore forza, il prossimo 8 marzo, nella udienza del Consiglio di Stato che si dovrà esprimere nel merito del Decreto Clini”.

Soddisfatto della sospensiva il consigliere delegato albanense ai rifiuti Luca Andreassi: “Albano non molla. E nel frattempo continua a vincere battaglie legali. Ci prepariamo alla battaglia finale contro la costruzione dell'inceneritore con la consapevolezza che saremo in grado di dimostrare che l'inceneritore di Albano sia non solo molto nocivo ma anche del tutto inutile”.

“La decisione del Tar del Lazio in merito all'inceneritore di Albano non interferisce con il piano del ministero dell'ambiente per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti di Roma”, ha detto il ministro dell'ambiente, Corrado Clini.

E ha precisato: “Il decreto del 3 gennaio 2013 non prevede in alcun modo l'utilizzazione in futuro dell'impianto di Albano, ma, com’è noto, prevede l'uso ottimale degli impianti esistenti della regione Lazio al fine del recupero di materia e di energia e la riduzione progressiva fino all'azzeramento del conferimento dei rifiuti in discarica”.


 Autore:

Marcello Tansini

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il