BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Taglio rating Italia BBB+ da A- Fitch: i rischi e conseguenze. Cosa cambia

Fitch taglia il rating dell’Italia: la situazione



L’incerto scenario politico provocato dalle elezioni italiane ha portato l’agenzia Fitch ad annunciare il taglio del rating del credito dell'Italia da A- a BBB+.

Secondo il rapporto di Fitch, il risultato delle elezioni parlamentari del 24 e 25 febbraio ha reso difficile la formazione di un governo stabile, l'aumento dell'instabilità politica e le influenze sfavorevoli per la futura riforma strutturale e questi sono fattori sfavorevoli per l'economia italiana.

L'agenzia ha fatto inoltre sapere che il taglio del rating riflette anche il fatto che la recessione in atto in Italia è una delle più profonde in Europa. “Una decisione che ovviamente non fa piacere, ma non può essere considerato un evento sorprendente”, ha commentato il Ministro dell'Economia Vittorio Grilli, che è concorde con le motivazioni che hanno spinto l'agenzia di rating al downgrade, confermando che sulla decisione ha pesato  sicuramente ‘il clima di incertezza politica in un momento così complesso dal punto di vista economico’, ma ha anche assicura che “il Tesoro cercherà di fare di tutto per mettere in sicurezza il nostro paese”.

Quali conseguenze aspettarsi ora dopo il taglio del rating da parte di Fitch? Gli esperti, in realtà, ritengono che la decisione dell’agenzia non avrà come effetto quello di provocare forti scossoni sui mercati.

L'Italia, infatti, resta al momento all'interno della 'categoria protetta' degli investment grade e fino a quando rimane su questo livello, il debito è considerato complessivamente affidabile.

La situazione potrebbe invece precipitare nel caso in cui le agenzie di rating collocassero l'Italia sotto questa soglia di guardia facendola scivolare negli investimenti speculativi. In quel caso i rischi aumenterebbero decisamente.

Intanto, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, auspica un accordo fra le forze politiche che porti alla costituzione di un governo ‘sano’ capace di riportare il Paese fuori dalla crisi. Probabilmente solo questa soluzione potrebbe rappresentare la fine dei rischi che il nostro Paese sta correndo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il