BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Movimento 5 Stelle Beppe Grillo: incontro oggi con Pd su programma e possibile alleanza

Nessuna accordo col Pd: il M5S ribadisce la sua contrarietà



E’ fissato per oggi, martedì 12 marzo,il primo incontro Pd-Movimento 5 Stelle ed è fermento. Ma, Beppe Grillo dal blog torna a sfidare Pier Luigi Bersani ed il Pd. “Per facilitare il compito, scrive Grillo, ho preparato il documento che Bersani può firmare per ufficializzare il rifiuto.

Bersani, firma qui! Meno parole e più fatti”. Poi invita tutti a far girare il messaggio. L’intenzione del M5S è quella di proseguire a oltranza, e per il M5S quella della ‘prorogatio’ di Monti, lanciata la settimana scorsa da Claudio Messora sul blog di Grillo, o di un governo del presidente appoggiato da Pd-Pdl-Lista Civica ma senza M5S non è una provocazione.

L’obiettivo del Movimento 5 stelle è avere ruoli chiave in Parlamento e mettere i partiti in difficoltà. E si parte subito con una sfida al Pd. Al Senato “se saremo in Giunta per le elezioni voteremmo per l’ineleggibilità di Berlusconi in quanto concessionario di servizio pubblico. E ci aspettiamo che anche altri votino per l’ineleggibilità, poi sia Berlusconi a fare ricorso”.

“Ci aspettiamo un questore e un vicepresidente alla Camera e un questore e un vicepresidente al Senato”, ha detto il capogruppo designato del Movimento 5 Stelle al Senato, Vito Crimi.

“Le regole sono contorte, sono fatte in modo che non ci tocchino, dovremmo fare degli accordi ma noi non li faremo. La sovranità popolare è stata espressa e questo quindi è quello che ci aspettiamo”.

E continua: “Accordi non se ne fanno. Se gli altri partiti decidono di offrirci la presidenza di una camera, diremo grazie. Noi comunque presenteremo un nostro candidato”.

E su un eventuale accordo col Pd, Andrea Cecconi, neodeputato del Movimento 5 Stelle, ha detto “No, lo abbiamo sempre detto. È stato deciso in modo unanime, perché la convinzione di tutti è che la fiducia al Pd non si dà. Se uno nel programma scrive che non si allea con nessuno, non si puoi cambiare idea due giorni dopo il voto”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il