BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: problemi su numeri e copertura finanziaria. Pd sembra unico pronto ad intervenire

Ancora problemi su cifra esatta esodati: quale la soluzione?



Con i nuovi 10mila salvaguardati, per cui il ministro del Lavoro, Elsa del Lavoro, ha firmato un nuovo decreto, sale a circa 130mila il numero degli esodati che il governo ha deciso di tutelare dagli effetti della riforma Fonero.

Nonostante queste salvaguardie, però, persistono ancora diversi problemi: resta, infatti, ancora aperta la questione che riguarda il numero esatto di lavoratori esodati che restano fuori dai 130mila tutelati, risultato dei primi 65mila tutelati e che stanno ancora ricevendo lettere dell’Insp; e dei secondi 55mila, e degli ultimi 10mila individuati, e per cui saranno comunque necessari interventi di tutela al fine di non lasciarli senza lavoro e senza pensione. Secondo le stime circolate nei mesi scorsi, infatti, sarebbero almeno 220-230mila esodati da tutelare, da qui al 2017.

La Cgil ne stima addirittura 300mila e all’indomani delle elezioni il mondo della politica sembra tacere. Prima dei risultati si erano susseguite promesse di soluzioni definitive da parte di tutti i partiti in corsa, da Pd, a Pdl, Lista Monti e Movimento 5 Stelle, ma poi tutto è come svanito nel nulla.

Uno spiraglio arriva, forse, dal programma del Pd, illustrato da Pierluigi Bersani, in otto punti: in esso, infatti, si parla di ‘Misure urgenti’ sul sociale e il lavoro, come pagamenti della Pubblica Amministrazione alle imprese con emissione di titoli del tesoro dedicati e potenziamento a trecentosessanta gradi degli strumenti di Cassa Depositi e Prestiti per la finanza d'impresa; allentamento del Patto di stabilità degli Enti locali per rafforzare gli sportelli sociali e per un piano di piccole opere a cominciare da scuole e strutture sanitarie.; programma per la banda larga e lo sviluppi dell'ICT; riduzione del costo del lavoro stabile per eliminare i vantaggi di costo del lavoro precario e superamento degli automatismi della legge Fornero; prevedendo anche un salario o compenso minimo per chi non ha copertura contrattuale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il