BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Papa Francesco: chi è il nuovo pontefice cardinale Bergoglio? Commenti e critiche online

Jorge Mario Bergoglio il nuovo Papa: chi è



E’ l’arcivescovo di Buenos Aires Jorge Mario Bergoglio il nuovo Papa, successore di Benedetto XVI: è argentino, di origini italiane e si chiamerà Francesco.

Bergoglio, nato a Buenos Aires nel 1936 in una famiglia di origine piemontese, ha studiato prima come tecnico chimico, poi in seminario, quindi nel 1958 è entrato a far parte come novizio della Compagnia di Gesù, trascorrendo un periodo in Cile e tornando a Buenos Aires per laurearsi in filosofia.

Per mantenersi gli studi per un breve periodo ha anche lavorato come buttafuori in un locale malfamato di Còrdoba. E' stato rettore della facoltà di teologia e filosofia a San Miguel e, nel 1986 è stato in Germania per il completamento del dottorato, prima del ritorno in patria, nella città di Còrdoba, dove è diventato direttore spirituale e confessore della locale chiesa della Compagnia di Gesù.

Il 20 maggio 1992 è stato nominato vescovo ausiliare di Buenos Aires e titolare di Auca. Ma sul nuovo Papa che ieri sera si è dimostrato tanto accogliente e buono aleggiano già dubbi e ombre: nel 2006, in occasione dell’elezione di Jospeh Ratzinger, Don Vitaliano Della Sala, il parroco no-global noto per le sue clamorose iniziative, pubblicava sul suo sito: “Il lato oscuro del Cardinale Bergoglio, questo Cardinale stava per diventare Papa” ed oggi sul web spopola un articolo che racconta di vecchi legami (mai realmente accertati) con la dittatura argentina negli anni ’70.

Ma secondo quanto riporta Gianni Del Vecchio sull’Huffington Post, ‘la crisi economica e la voglia di cambiamento sono i due fattori che hanno ispirato i cardinali nella scelta di Jorge Mario Bergoglio. La Chiesa mai come stavolta si è mostrata in sintonia con i tempi.

Molto più in sintonia di partiti politici e istituzioni, come le ultime elezioni italiane hanno purtroppo dimostrato. I porporati hanno capito che serviva un Papa vicino agli umili e lontano dagli sfarzi e gli intrighi di palazzo. E così è stato.

Un Papa che dà un segnale preciso a cominciare dal nome scelto: Francesco, ricordando il poverello d'Assisi, il santo che ha ripudiato una vita di agi e di potere per votarsi alla povertà e al Signore. Un Papa che si trova più a suo agio fra gli indigenti di Buenos Aires che con molti dei 114 ‘colleghi’ del Conclave, uno che va in metro e non in auto blu ‘. 

Per visualizzare il testo per intero cliccare qui:


http://urbanpost.it/i-segreti-del-nuovo-papa-nel-2006-un-prete-lo-descriveva-cosi-sul-suo-blog

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il