BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Presidenti della Camera e del Senato 2013: i nomi Movimento 5 Stelle e Pd. Le previsioni

Chi saranno i candidati del M5s e del Pd: ancora nessun nome svelato



Dopo l'incontro tra il Movimento 5 Stelle e il Pd, servito per avviare una fase d'ascolto, come ha precisato la capogruppo designata alla Camera, Roberta Lombardi, che ha aggiunto “Siamo qui per avviare i lavori della macchina parlamentare portando le iniziative del M5S dentro le istituzioni.

E il Movimento lo fa creando un metodo di trasparenza di lavoro per far funzionare il Parlamento. Abbiamo voluto evidenziare che ci aspettiamo che all'interno della ricerca di queste figure si tenga conto del ruolo che i nostri concittadini hanno affidato alle forze politiche. Noi alla Camera siamo prima forza politica e anche al Senato siamo ben messi”, il leader del Pd, Pierluigi Bersani, continua a pensare all'idea di un'intesa con il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, da quest’ultimo sempre più allontanata.

Ma intanto oggi, giovedì 14 marzo, il Pd riunisce i gruppi di Camera e Senato e Bersani dovrà indicare ai suoi parlamentari i nomi da votare il giorno successivo a Montecitorio e Palazzo Madama.

Se non ci saranno aperture inaspettate da parte dei 5stelle, molti deputati sono pronti a mettere in minoranza l'eventuale indicazione di un presidente della Camera grillino. I democratici per quel posto hanno fatto il nome di Dario Franceschini.

Il M5S ci ha tenuto a sottolineare: “I nostri candidati saranno persone in totale assenza di conflitti di interesse per il ruolo che ricopriranno”. Il capogruppo in pectore a palazzo Madama, Vito Crimi, ha inoltre spiegato: “Abbiamo raccolto le autocandidature e oggi le valuteremo singolarmente”. Crimi sottolinea che Beppe Grillo non si pronuncerà in alcun modo sui nomi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il