BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezione Papa Francesco: voti nel conclave e la sconfitta di Scola.Le notizie e i segreti trapelati

Bergoglio: nuovo Papa per i più bisognosi



Non faceva parte della rosa dei papabili Jorge Mario Bergoglio, eletto nuovo Papa, a sorpresa per molti. Erano, infatti, tanti ad attendersi come nominato Angelo Scola, Arcivescovo di Milano che, per oscuri motivi, non ha però ‘vinto’.

Dietro l’elezione eclatante di Bergoglio si celano in effetti motivazioni particolari: dal suo essere dalla parte dei pù bisognosi e poveri, come la scelta del suo nome Francesco dimostra; alla sua posizione assolutamente critica nei confronti del modello economico neoliberale.

In Argentina le sue posizioni a favore dei poveri sono note ed hanno caratterizzato la sua presidenza della conferenza episcopale del paese sudamericano. L’Argentina fu colpita da una gravissima crisi finanziaria a inizio del nuovo millennio, quando Buenos Aires cadde e fu costretta a ristrutturare il proprio debito estero.

All’epoca l’arcivescovo della capitale argentina si schierò in modo aperto contro le politiche eccessivamente liberali imposte dal Fondo monetario internazionale, guidando un movimento popolare che chiese ai creditori esteri di evitare rigidità che avrebbero ulteriormente inasprito la crisi sociale già assai grave.

Questo suo essere dalla parte ‘dell’umile’ lo ha dimostrato rinunciando alla scorta, alla Papa Mobile, alla vita ostentata da Papa, invitando i suoi ‘compatrioti’ che volevano accorrere a Roma per accogliere la sua nomina a donare quei soldi a chi ne avesse realmente bisogno, distinguendosi ancora una volta per il suo impegno per gli ultimi.

E se in questi giorni è stato rimarcato lo scontro sui matrimoni gay tra il cardinale di Buenos Aires e la presidente argentina Kirchner , Bergoglio ha sempre criticato l’attuale leader dell’Argentina perchè la condizione dei poveri è peggiorata nel paese.

Al momento della sua 'presentazione', le parole di Papa Francesco sono state semplici ma cariche di una potenza capace di scuotere e arrivare al cuore della gente, riaccendendo la speranza, o rinforzandola laddove di era indebolita in questo particolare momento storico-religioso.

E come Francesco di Assisi esorta la comunità: “Incominciamo questo cammino della chiesa di Roma, vescovo e popolo, di fratellanza, amore, fiducia tra noi. E speriamo che questo cammino sia fruttuoso per l'evangelizzazione”.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il