Esodati: la politica si muove per modificare Riforma Fornero.Movimento 5 Stelle, Pd e Laura Boldrini

Questione esodati: nuova politica pronta a soluzioni



Se fino a  qualche giorno fa, dopo la notizia della firma del ministro del Lavoro Fornero per il terzo decreto pronto a tutelare gli ultimi 10mila esodati della prima platea da 130mial salvaguardati individuata dal governo Monti, sembrava che la questione esodati fosse caduta nel dimenticatoio della politica, oggi, invece, qualcosa sembra muoversi e sembra la politica ascolta esponenti di questa categoria di lavoratori che rischiano ancora di rimanere senza lavoro e senza pensione per effetto delle nuove norme stabilita dalla riforma previdenziale firmata da Elsa Fornero e si spera che finalmente si possa fare qualcosa.

Maria Luisa Gnecchi e Donata Lenzi, deputate del Pd, hanno infatti detto: '”La soluzione al problema degli esodati non può essere più rinviata; è necessario riconoscere il diritto alla pensione per questi cittadini. Lo abbiamo promesso in campagna elettorale e adesso vogliamo passare ai fatti. Si tratta di persone, lo ricordiamo ancora una volta, che hanno lavorato una vita e versato regolarmente in contributi per la pensione.

Durante l'incontro con la delegazione di lavoratori rimasti senza redito, avvenuto in piazza Montecitorio, abbiamo assicurato l'impegno del Pd per risolvere questo gravissimo problema”.

Ad assicurarare massimo impegno per gli esodati anche la nuova presidente della Camera, Laura Boldrini, che ha detto: “Questa Aula darà ascolto alla sofferenza sociale di una intera generazione”, ricordando i numerosi giovani costretti a cercare lavoro all'estero. Inoltre, “nessuno di noi ha dimenticato gli esodati e chi è senza lavoro”, ha aggiunto parlando anche della necessità di difendere i diritti delle donne.

“Sarò la presidente di tutti, a partire da chi non mi ha votato”. Anche Samuele Segoni del Movimento 5 Stelle assicura appoggio agli esodati. Vedremo cosa succederà nei prossimi mesi.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il