BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Btp Italia: data ufficiale 15-18 Aprile 2013 per prenotazione e acquisto. Come fare

Nuova emissione Btp Italia dal 15 al 18 aprile: come acquistarlo e chi può farlo



E’ ufficiale: l’appuntamento con la nuova emissione del Btp Italia legato all’inflazione italiana è fissato dal 15 al 18 aprile. Ad annunciarlo il direttore generale del debito pubblico, Maria Cannata, precisando che nel 2013 saranno fatte due emissioni con le stesse caratteristiche finanziarie delle precedenti e ha detto “Unica piccola novità ci riserviamo di chiudere prima se avremo una domanda a valanga come in ottobre: per quest’anno infatti i 18 miliardi di ottobre per singola emissione sarebbero veramente eccessivi”.

Questa volta cioè, a differenza delle precedenti, non c’è un budget illimitato e occorrerà affrettarsi (alla posta, alla propria banca o su internet) per essere sicuri di ottenere le obbligazioni.

Si tratta della prima emissione del 2013 dopo l’ottimo successo delle tre del 2012, quando il Tesoro ha emesso Btp Italia in marzo, giugno e ottobre raccogliendo complessivamente circa 27 miliardi di euro.

Il Btp Italia può essere sottoscritto da tutti i risparmiatori, privati e famiglie, per un taglio minimo di 1.000 euro e senza limiti di acquisto e basta recarsi presso la filiale della Banca o presso l’ufficio postale dove si detiene un conto titoli o effettuare l’acquisto direttamente online sfruttando le funzioni di home banking laddove siano attive le funzioni di trading.

Il collocamento dei Btp Italia avviene sul Mot e il tasso fisso di rendimento minimo garantito verrà comunicato al pubblico a ridosso del collocamento. E’ previsto per le persone fisiche che acquistano i Btp Italia all'emissione e li tengono fino alla scadenza un premio di fedeltà del 4 per mille lordo sul valore nominale dell'investimento.

Il titolo è ancorato al costo della vita. I Btp pagano ogni sei mesi, con un tasso minimo garantito, cosa che non succede per gli altri Btp, così in caso di deflazione i sottoscrittori non sono penalizzati perché il Btp Italia  paga comunque il tasso reale minimo grazie a un particolare meccanismo detto ‘floor’, seguendo il quale nel calcolo del rendimento il capitale non scenda mai sotto la pari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il