Rimborso Imu 2012 nel 2013 in Sardegna si potrà ottenere. Non solo petizioni online

Restituzione Imu ai meno abbienti: la proposta del presidente Cappellacci



Il tanto agognato rimborso Imu si potrà ottenere, ma solo in Sardegna. Il presidente della Regione, Ugo Cappellacci, ha, infatti, presentato in Giunta un provvedimento che prevede la restituzione dell’Imu a tutte le famiglie che hanno tanti figli e un Isee modesto, cioè che tra stipendi e proprietà non raggiungono oltre i 20 mila euro di redditi annui.

Si stima che queste famiglie siano 130 mila. Per ottenere il rimborso, ha chiarito il presidente Cappellacci, “le famiglie dovranno dimostrare il loro diritto al rimborso e presentare la ricevuta del pagamento dell’Imu. Voglio creare un’Agenzia regionale delle Entrate che sarà l’ente pagatore.

Sarà l’Agenzia sarda, dunque, a rimborsare l’Imu e questa operazione costerà alla Regione 25 milioni di euro”. Questa novità arriva dopo che nei mesi scorsi sono state diverse le petizioni online che chiedevano al governo il rimborso della ritrovata tassa sulla casa.

Ma la Sardegna continua a stupire e insieme al rimborso Imu, prevede anche una sorta di social card per 10 mila giovani disoccupati del valore di 500 euro al mese che può essere speso esclusivamente in un circuito di negozi ribattezzato Sardex; e una serie di sconti fiscali alle aziende che assumeranno lavoratori a titolo definitivo.

Infine, la Regione sarda restituirà integralmente i 300 mila euro, più interessi, che deve a 25 mila imprese per i lavori fatti per conto dell’ente. Le misure arrivano a sfiorare quasi 100 milioni di euro, cosa che ‘contraddirebbe’ il Patto di Stabilità che pone limiti piuttosto vincolanti, ma il presidente Cappellacci ha spiegato: “Il Patto di Stabilità lo abbiamo contestato davanti alla Corte Costituzionale, che ci ha dato ragione. Per questo, io varerò una legge regionale che riscrive il Patto di Stabilità e libera le risorse che intendo spendere”.
 

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il