BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013: aumenti per prime case in diverse città con avvicinarsi data pagamenti. Il caso di Bologna

Imu 2013: nuova stangata per le famiglie italiane. Quanto costerà a Bologna



E’ in arrivo un nuovo pagamento Imu che in questo nuovo anno rappresenterà un’altra stangata per i cittadini italiani. Secondo le stime, l’Imu 2013 sarà più alta sulle prime case in diverse città italiane.

Sulle prime case a Bologna l'aliquota, infatti, dovrebbe passare dallo 0,4 allo 0,5%, arrivando a costare in media 120 euro in più per le 143.867 famiglie proprietarie della prima casa.

Una stangata che non colpirà, però, tutti allo stesso modo, perché i meno abbienti verranno protetti da un forte aumento delle detrazioni. Non verranno toccate l’addizionale Irpef e l’Imu sulle attività produttive.

All'aumento dell'aliquota Imu va ad aggiungersi, dunque, un forte taglio delle spese di 1718 milioni di euro.In base a quanto riferito dal sindaco di Bologna, Virginio Merola, le misure non dovrebbero gravare sulle attività produttive: “Stiamo lavorando per non aumentare l’Irpef nè il carico sulle attività produttive, non colpire i redditi più bassi e per prevedere qualche meccanismo di esenzione ulteriore rispetto a quanto previsto finora per quanto riguarda l’Imu”. 

Un capitolo importante riguarda le scuole: dopo anni di tagli, l’assessore Marilena Pillati ha ottenuto un forte aumento di risorse (4 milioni di euro in più) e l’assunzione a tempo determinato del personale precario della scuola. Non potendolo fare direttamente per i limiti imposti dalle manovre del governo, i precari saranno assunti dall’Asp Irides, ma con il contratto degli enti locali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il