BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni 2013: sempre più difficile andare con calcolo e regole Riforma Fornero. Il caso scuola

Nuove regole Fornero e in pensione sempre più tardi: calcoli e aspettativa di vita



Sono notevolmente diminuiti i pensionamenti dei docenti rispetto al 2012: i dati che trapelano dal Ministero parlano di meno 1993 posti per precari e immissioni in ruolo. Secondo i dati del Ministero, i pensionamenti dei docenti saranno 10.009, mentre quelli degli ATA 3.343.

Nel 2012 i docenti che hanno cessato il servizio sono stati 21.112 docenti e gli ATA, 5.336, che significa meno 11.103 posti per i docenti e meno 1.993 per gli ATA.

Questi dati sottolineano come sia oggi sempre più difficile riuscire a lasciare il lavoro, per effetto delle novità introdotte dalla riforme Fornero, entrate in vigore a gennaio 2013.

Per effetto della riforma Monti Fornero, è, infatti, scattato anche un differimento in avanti di tre mesi per andare in pensione, e ogni tre anni, e dal 2019 in poi ogni due, aumenta la speranza di vita di ciascuno di noi.

Dal 2013, gli uomini del pubblico impiego potranno, infatti, lasciare il lavoro a 66 anni e 3 mesi, le donne lavoratrici autonome a 63 anni e 9 mesi, e le donne dipendenti delle aziende private a 62 anni e 3 mesi.

Se poi per nel 2012 le donne dipendenti sono andate in pensione con 61 anni (60 più uno di finestra mobile) e le lavoratrici autonome con 61 anni e mezzo (60 anni più 18 mesi di finestra mobile), dal 2013, le dipendenti dovranno raggiungere i 62 anni e tre mesi e le autonome 63 anni e 9 mesi, che saliranno nel 2014 di 2 anni e mezzo circa; nel 2016 di 3 anni e mezzo; nel 2018 di 4 anni e mezzo.

Per le donne l'aumento dell'età crescerà gradualmente fino al 2018, quando sarà equiparata a quella degli uomini.

Chi vorrà potrà poi lavorare fino a 75 anni e i settantenni che decidono di rimanere al lavoro saranno inoltre favoriti in termini di guadagni, grazie al coefficiente di calcolo della pensione più alto, cui andranno ad aggiungersi i contributi maggiori accumulati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il