BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni: nuove uscite ad Aprile 2013. Calcolo età e requisiti. Chi potrà andare con novità Riforma

Come lasciare il lavoro ad aprile e chi potrà farlo



Le previsioni anticipano che saranno poche le persone che andranno in pensione nel prossimo mese aprile: a lasciare il lavoro saranno soprattutto i lavoratori autonomi che usufruiscono ancora delle vecchie regole (18 mesi di attesa per la finestra mobile una volta raggiunti i requisiti nel 2011) mentre gli altri saranno soggetti alle novità del Fornero e all'aspettativa di vita.

I lavoratori dipendenti che hanno, infatti, raggiunto i 66 anni dovranno aspettare ancora tre mesi per effetto della speranza di vita in vigore dal primo gennaio.

Chi compie 66 anni dal primo gennaio 2013 in poi riceverà la pensione solo dopo aprile, mentre le donne dipendenti dovranno aspettare i 62 anni e tre mesi e probabilmente saranno davvero poche coloro che fino ad aprile 2013 lasceranno il lavoro, considerando che si è passati dai 61 anni necessari nel 2012 ai 62,3 attuali.

Intanto, l'Inps, il ministero del Lavoro e l'Adepp, l'Associazione delle Casse previdenziali che gestiscono la previdenza obbligatoria dei liberi professionisti, hanno annunciato il varo di tre provvedimenti per essere padroni della propria pensione.

Si chiamano Eci (Estratto conto integrato), Calcolatore della pensione e Simulatore della pensione, e permettono tramite Internet e approssimativi calcoli di conoscere quando si andrà in pensione e quanto si riceverà.

Per i lavoratori più giovani, per i quali la distanza dal momento della pensione rende più difficile ipotizzare calcoli della pensione (molte le variabiliin gioco: l’evoluzione retributiva individuale, gli anni e la continuità del lavoro, la scelta del periodo di pensionamento, etc.), è in corso di realizzazione una procedura che consentirà comunque di eseguire una simulazione del calcolo della propria pensione. Il rilascio del servizio avverrà entro la fine del corrente anno. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il