BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni scuola quota 96 classe 52: sentenza rinviata Corte dei Conti. Tempi tecnici a rischio

Rinviata sentenza Corte su Quota 96: la situazione



E’ stata rinviata la sentenza della Corte sulla questione Quota 96 a dopo le vacanze di Pasqua, precisamente al 2 aprile. Ed ecco che un folto esercito di pensionandi della scuola appartenenti alla cosiddetta Quota 96 dovranno ancora aspettare per sapere se e quando potranno andare in pensione con le vecchie regole.

Lo slittamento della sentenza della Corte rischia, dunque, di allungare i tempi tecnici e chissà che ne sarà di questi pensionandi. I docenti Quota 96 sono stati bloccati nella possibilità di andare in pensione pur avendo conseguito tutti i requisiti e i diritti previsti dalla normativa previgente la riforma Fornero.

I pensionamenti della scuola entrano in funzione dal 1 settembre e i requisiti ricercati si fermano al 31 agosto di ogni anno, per i docenti di Quota 96 i requisiti si arrestano al 31 dicembre 2011, tagliando dunque fuori dalle entrate in pensione circa 3.500 docenti a cui è stata negata la possibilità di andare in pensione lo scorso settembre per un errore di date.

Quando è stata presentata la nuova riforma delle pensioni, il governo tecnico di Mario Monti non ha tenuto conto della specificità del Comparto Scuola,  riconosciuta da leggi specifiche mai abolite e ha eguagliato le leggi speciali che regolano questo settore alle leggi generali di tutti gli altri settori della Pubblica Amministrazione.

Non si è tenuto conto del fatto che l'anno scolastico non coincide con l'anno solare e che si colloca a cavallo tra due anni solari, per cui nessun insegnante potrebbe abbandonare la sua classe il 31 dicembre.

Se i docenti che hanno raggiunto i requisiti di pensionamento ma sono rimasti al lavoro potranno uscire in base alle vecchie regole raggiungendo Quota 96, risultato della somma tra età anagrafica e contributiva partendo da un minimo di 60 anni di età e 35 di contribuzione, si saprà solo dopo che la Corte si sarà pronunciata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il