BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spread btp-bund in rialzo a 350 punti: senza nuovo Governo taglio rating di Moody's

Sale lo spread e incombe sull’Italia una nuova minaccia di Moody’s: i motivi



Lo spread tra il Btp e il Bund tedesco segna 348,1 punti in apertura, leggermente in ribasso rispetto ai 350 punti della chiusura di ieri. Il rendimento è pari a 4,76%. Il rialzo dello spread ho portato di nuovo Moody’s a minacciare l’Italia. L’agenzia di rating, secondo le dichiarazioni dell’analista Dietmar Hornung, “guarda agli sforzi di Pier Luigi Bersani per formare un governo” per le sue valutazioni sul rating.

L’esito del tentativo del leader del Pd avrà quindi “riflessi nel breve termine” sul profilo di credito del Paese. Piazza Affari, già in negativo dopo l’avvertimento di Moody’s, ha aumentato velocemente le perdite dopo l’asta poco soddisfacente del Tesoro, che non è riuscito a vendere tutti i Btp.

Sono stati collocati in totale 6,91 miliardi di titoli, su un range d’offerta compreso tra 5 e 7 miliardi. Sull’asta ha inciso molto lo scenario politico incerto che il Paese sta vivendo e il rischio di ingovernabilità. Piazza Affari ieri ha terminato la giornata in calo dello 0,92 per cento a 15.353 punti.

In rosso anche le altre Borse europee, che hanno girato in negativo dopo mezz’ora dall’avvio delle contrattazioni. Resta alta anche la tensione sullo spread, salito oltre quota 350 punti.

Una pioggia di vendite ha colpito in particolare il titolo Telecom, che è sceso sui minimi a 0,54 euro fino alla sospensione in asta di volatilità e ha poi chiuso a -2,93 per cento. Stando alle indiscrezioni Marco Fossati, secondo azionista con il 5 per cento circa, avrebbe chiesto di mettere all’ordine del giorno dell’assemblea la fiducia ai vertici.

Crolla anche Monte dei Paschi di Siena, terminando la giornata in calo di oltre il 4%. E in questo scenario, Moody's sarebbe pronta a tagliare nuovamente il rating dell'Italia. L’agenzia di rating, che attualmente ha un giudizio Baa2 sul debito italiano (due livelli sopra quello ‘spazzatura’), potrebbe dunque abbassare il rating nei prossimi giorni.

Lo scorso 27 febbraio, Moody’s aveva già emesso un report in cui sottolineava che il risultato delle elezioni politiche italiane aveva disegnato un quadro di incertezza sul governo del Paese, mettendo il giudizio sul debito italiano a rischio, prospettando quindi un nuovo downgrade.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il