BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Dichiarazione dei redditi: studi di settore 2013 ufficiali o quasi. Novità per crisi economia

Novità studi di settore: cosa cambia



Novità in arrivo per quanto riguarda gli studi di settore: questa settimana, infatti, la commissione degli esperti valuterà come gestire per il periodo d'imposta 2012 i correttivi anti-crisi, dando così il via libera ai correttivi sulla normalità economica; ai correttivi congiunturali di settore, elaborati per cogliere gli aspetti dei singoli comparti; ai correttivi specifici mirati su alcuni comparti e ai correttivi congiunturali individuali previsti, a determinate condizioni, per tutti i settori sottoposti agli studi, oltre che a strumenti per far rilevare i ritardi nei pagamenti, anche con la pubblica amministrazione, cui devono fare fronte i professionisti.

L'agenzia delle Entrate ha anche aggiornato il software di compilazione Gerico 2013 (versione Beta), la cui versione aggiornata è disponibile sul sito delle Entrate ma non contiene ancora i correttivi anticrisi, che dovrebbero arrivare in settimana.

Nelle bozze dei nuovi studi di settore applicabili per il periodo d'imposta 2012 viene prestata particolare attenzione alle persone fisiche che fino al 2011 si avvalevano del regime dei minimi.

In questo caso, l'agenzia delle Entrate precisa che nei confronti dei soggetti esercenti impresa che, nel precedente periodo d'imposta, cioè nell'anno 2011, si sono avvalsi del regime dei minimi e hanno cessato di avvalersene per il periodo d'imposta 2012, lo studio di settore non può essere usato in fase di accertamento, ma solo ai fini della selezione delle posizioni da sottoporre a controllo.

Il paragrafo 4.2 'modalità di compilazione', precisa, inoltre, che i soggetti che nel periodo d'imposta in corso alla data del 31 dicembre 2011 o precedenti, hanno cessato di avvalersi del regime dei contribuenti minimi, devono fornire alcuni dati contabili, senza tenere conto degli effetti derivanti dal principio di cassa, applicato nei periodi di imposta precedenti e correlato al regime dei minimi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il