BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero treni e autobus domani 5 Aprile 2013 e 6-7-8 Liguria, Toscana, Emilia Romagna. Roma, Orari

Week end per i trasporti pubblici e ferroviari: dove e quando si fermerà tutto



Si preannuncia un week end nero per i trasporti pubblici, come del resto gran parte del mese di aprile: domani, venerdì 5 aprile, in Liguria, si sciopera contro l’organizzazione dei turni di lavoro dei dipendenti che lavorano sui mezzi in movimento e che, per una non corretta organizzazione, di frequente vengono soppressi o sono soggetti a disservizi di entità notevole.

Tutto ciò è aumentato negli ultimi mesi, causando disagi e mancanze sotto molto profili con aumento di costi che, invece, una corretta ed oculata gestione avrebbe evitato.

Le organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt, Fast e Ugl. Sono state pertanto proclamate 8 ore di sciopero, dalle 9 alle 17, per la tutela dei capo treno e dei macchinisti del trasporto regionale. Sabato 6 e domenica 7 aprile in Toscana la segreteria regionale ORSA Toscana ha proclamato uno sciopero del personale di bordo di Trenitalia, dalle 21 di sabato alle 21 di domenica.

Nelle giornate di sciopero Trenitalia assicura servizi minimi di trasporto: nel trasporto locale sono stati istituiti i servizi essenziali nelle fasce orarie di maggiore frequentazione (dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21 dei giorni feriali).

Garantiti anche alcuni treni a lunga percorrenza, nei giorni feriali e nei festivi. Trenitalia garantirà anche ulteriori servizi integrativi che saranno resi noti attraverso avvisi nelle stazioni ferroviarie e sul sito http://www.trenitalia.com. Fermi lunedì 8 aprile i treni anche in Emilia.

L’Organizzazione Sindacale Usb lavoro privato, infatti, ha proclamato per lunedì 8 aprile uno sciopero nazionale di 4 ore del trasporto pubblico locale, che interesserà i servizi Tper dalle 9 alle 13.

Il personale viaggiante dei servizi automobilistici e filoviari Tper dei bacini di servizio di Bologna e Ferrara (bus e corriere) sarà fermo dalle 9 alle 13. Negli orari di sciopero, i servizi di trasporto pubblico urbano, suburbano ed extraurbano non saranno garantiti.

Per le linee urbane di Imola verranno garantite tutte le corse complete in partenza dalla stazione FS, o dall'autostazione, fino alle 8:50. Mentre il personale viaggiante dei servizi ferroviari Tper sarà fermo dalle 9 alle 13 sulle linee della rete di competenza Fer Bologna-Portomaggiore, Bologna-Vignola, Ferrara-Suzzara, Ferrara-Codigoro, Reggio Emilia-Guastalla, Reggio Emilia-Sassuolo, Reggio Emilia-Ciano d'Enza, Modena-Sassuolo e Parma-Suzzara. Negli orari di sciopero il servizio ferroviario non sarà garantito.

Per informazioni telefoniche sul servizio dei treni Tper il call center 840.151.152 è attivo tutti giorni feriali dalle 7 alle 14 e dalle 15 alle 18. Per i mezzi urbani di Ferrara, per quelli extraurbani e del servizio Taxibus saranno garantite solamente le corse dai capilinea periferici, centrali e intermedi con orario di partenza fino alle 8:45.

Lunedì 8 aprile è in programma un altro sciopero dei mezzi di trasporto pubblico per quattro ore proclamato dalle Unione Sindacale di Base (USB) per sollecitare un incontro per la nuova contrattazione collettiva oramai scaduta da cinque anni e per avere gli aumenti contrattuali dignitosi, in linea con quelli europei e con il costo reale della vita, insieme ad una serie di garanzie a tutela dei diritti e delle condizioni di lavoro dei dipendenti.

Le 4 ore di agitazione sindacale saranno differentemente gestite in sede locale e dunque variazioni si registreranno da città a città. La GTT, Gruppo Torinese Trasporti, ha annunciato che nel capoluogo piemontese le linee di sua gestione saranno ferme per ben 24 ore.

Nella capitale, invece, autobus, tram, filobus, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Viterbo gestite da Atac non saranno attive dalle 20 alle 24, così come a Firenze il trasporto locale gestito da Ataf si fermerà dalle 23 fino a fine servizio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il