BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Telecom Italia-3 Italia: trattative acquisto proseguono. Alcune considerazioni

Proseguono le trattative tra Telecom e 3 Italia: i pareri degli analisti



Proseguono le trattative tra Telecom Italia e 3 Italia per una possibile fusione che potrebbe far accrescere il fatturato della prima, mentre la seconda potrebbe porre fine ad una situazione di sofferenza economica che si protrae ormai da tempo.

Al momento sembrano confermati contatti preliminari in vista di un possibile accordo. Telecom Italia ha, infatti, precisato che ‘sono intercorsi contatti preliminari con il Gruppo Hutchison Whampoa per lo studio di una possibile integrazione con 3 Italia.

Lo stato assolutamente embrionale e preliminare dei contatti, impedisce alla Società di commentare ulteriormente la notizia’. L'azienda ha inoltre specificato che ‘l’argomento sarà oggetto di rappresentazione verso il Consiglio di Amministrazione della Società nella riunione prevista per il giorno 11 aprile’.

Anche Hutchison ha ufficializzato i contatti con Telecom, confermando contatti preliminari tra le due aziende. Secondo Il Messaggero Hutchinson Wampoa potrebbe comprare azioni Telcom ad un prezzo pari a circa 1,2 euro per azione.

“Questo prezzo è attraente per il mercato anche se potrebbe riguardare solo Telco e non gli azionisti di minoranza di Telecom Italia”, scrivono gli analisti di Banca Akros che continuano a credere che la fusione “abbia molto senso da un punto di vista industriale e potrebbe creare sinergie significative”.

“Quella di un'integrazione tra Telecom Italia e 3 Italia, controllata italiana del gruppo cinese Hutchinson Whampoa, sarebbe un'operazione a valenza non strategica ma tattica sul mercato domestico della telefonia mobile”, secondo invece Marco Fossati, secondo azionista del gruppo telefonico con il 4,98% di Findim, precisando di non essere stato contattato dalla società quotata a Hong Kong.

Fossati chiarisce: “Non conosco i dettagli, ma da quello che leggo circolano multipli irrealistici. Comunque non la ritengo un'operazione strategica, non ha valenza internazionale, è semplicemente un'operazione tattica sul mercato domestico della telefonia mobile”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il