Ritorna l'ICI da pagare dal 1 al 30 di Giugno

Dal 1° al 30 giugno i proprietari di case, terreni ed aree edificabili sono chiamati al pagamento dell'acconto Ici per il 2006



Dal al 30 giugno i proprietari di case, terreni ed aree edificabili sono chiamati al pagamento dell'acconto Ici per il 2006 (la prima rata é pari al 50% dell'imposta dovuta).

Si pongono tuttavia alcuni interrogativi il primo dei quali é il pagamento attraverso il modello F24 per i Comuni convenzionati e le condizioni che permettono di ridurre il peso dell'imposta (famiglie numerose, anziani a carico, locazioni a canone convenzionato) oppure che l'aumentano (appartementi sfitti).

Siccome non esiste uno schema unico per tutti i Comuni e ogni ente locale può prendere o meno in considerazione le suddette condizioni, a tal proposito vi segnaliamo Consorzio Anci-Cnc che gestisce le anagrafi dei contribuenti tenuti al versamento dell'ICI, al quale si possono richiedere tutte le informazioni occorrenti.

Il quotidiano Sole24ore inoltre ha pubblicato stamattina nell'inserto del lunedì Affari privati un piccolo ma utile promemoria:

  • Alla cassa. L'imposta si paga sui fabbricati acquistati fino al 15 giugno 2006

  • La dichiarazione. Scadenze differenziate a seconda delle modalità per la denuncia dei redditi

  • F24. In numerosi Comuni si paga con il modello F24 ed è possibile la compensazione con altre imposte

  • Esenzioni. Sui fabbricati di enti no profit autonomia dei Comuni. Non è previsto il rimborso di quanto versato

  • Terreni. Cambia il concetto di terreno edificabile ai fini Ici. Per essere obbligati a pagare basta che l'area sia classificata come edificabile nello strumento urbanistico generale

  • Accertamento. È il primo anno che non sono stati prorogati i termini dell'accertamento

  • Fabbricati d'impresa. Legittimo il criterio contabile rispetto a quello catastale per stabilire la decorrenza della rendita

  • Separati. Secondo la Cassazione, in caso di separazione l'assegnatario non paga l'Ici

  • Comproprietà. Nel caso in cui il fabbricato sia abitazione principale per uno dei comproprietari, per il proprietario non residente il fabbricato non può essere considerato «a disposizione» o «non locato»

  • Fabbricati condonati. L'Ici non deve essere versata secondo criteri forfettari ma deve essere calcolata sulla rendita

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il