BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Presidente della Repubblica: chi vincerà? I candidati e i favoriti ad elezioni 18 Aprile 2013

Prima votazione il 18 aprile: chi sarà il successore di Napolitano?



Sta per concludersi (15 maggio) il mandato dell'attuale Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, e la Costituzione Italiana prevede che le operazioni di voto inizino un mese prima, coinvolgendo le due Camere riunite in seduta comune.

Dovranno votare 630 deputati, 315 senatori, 4 senatori a vita e 58 rappresentanti delle regioni, 3 esponenti per ciascuna tranne la Valle d'Aosta che ne può presentare solamente uno. Saranno, dunque, in 1007 a votare e per eleggere il Presidente della Repubblica sono necessari i due terzi dei voti nelle prime 3 sedute mentre dalla quarta in poi è sufficiente la maggioranza semplice.

La prima votazione si terrà giovedì 18 aprile. Secondo quanto previsto dalla Costituzione della Repubblica italiana può essere eletto Presidente della Repubblica qualsiasi cittadino italiano che abbia compiuto i cinquant'anni e goda dei diritti civili e politici.

Tra i nomi papabili alla successione di Giorgio Napolitano ci sarebbero Romano Prodi, nome che non farebbe certo gioire Silvio Berlusconi; Giuliano Amato; ma anche Massimo D'Alema che potrebbe piacere anche a una parte del PDL; Franco Marini (ex presidente del Senato); l'attuale ministro degli interni, Anna Maria Cancellieri; Gianni Letta, il capogruppo al Senato del PD; e Anna Finocchiaro. Ma ci sono anche nomi papabili appartenenti alla società civile, come Gino Strada (fondatore di Emergency), il politico e giurista italiano Stefano Rodotà, l'unico candidato che potrebbe trovare consenso anche fra i grillini in Parlamento, e Gustavo Zagrebelsky, altro giurista.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il