BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati, cassaintegrazione, pensioni: manca soldi e copertura. Manovra finanziaria 2013 necessaria

Nuova manovra necessaria per urgenze come esodati e pensioni. La situazione



L’Inps è al collasso e si rischia di non riuscire a pagare le pensioni attuali, come anche quelle future, così come sostenuto anche dal presidente dell’Istituto previdenziale, Mastropasqua; e mancano le coperture per la tutela degli esodati.

Non dei 130mila già individuati dal governo e per i quali oggi dovrebbe arrivare ufficialmente un terzo decreto per gli ultimi 19mila già salvaguardati; ma di ben altri 200mila che rischiano, secondo le stime, di rimanere ancora senza lavoro e senza pensione.

Ciò che serve è una nuova manovra aggiuntiva per finanziare le emergenze sociali, come queste appena descritte, che non hanno copertura nello schema di bilancio (il Documento di economia e finanza) lasciato in eredità da Mario Monti. 

Tra le emergenze da risolvere figura anche quella della cassa integrazione. Nonostante sia stata negata, c’è chi ne ribadisce la necessità, anche per rimodulare l’Imu, per posticipare l’aumento Iva e per rivedere anche la Tares, la nuova tassa sui rifiuti, anche se è stata rimandata a dicembre.

Il pagamento della Tares è stato infatti rimandato a dicembre, ma rappresenterà comunque una stangata per i cittadini a fine anno. La nuova tassa dovrà essere corrisposta in base a tariffa riferita all’anno solare e commisurata alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte.

La maggiorazione Tares da 30 centesimi al metro quadro è il motivo che determina l’aumento del carico fiscale anche nei 1.300 comuni che applicavano la tariffa rifiuti Tia, e che nel passaggio alla Tares non dovrebbero avere aumenti nella componente rifiuti. Secondo i calcoli della Uil per le famiglie la nuova tassa sui rifiuti, nel 2013, porterà aumenti medi di circa 80 euro rispetto ai 225 euro medi pagati nel 2012, con le vecchie Tarsu e Tia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il