Notebook e computer in crisi: applicazioni mobili spingono mercato tablet e cellulari

Crescono le tecnologie legate al web: ultimi dati e situazione



Mentre i tradizionali comparti dell'elettronica (hardware), del software e servizi perdono potere, cresce invece lo sviluppo delle tecnologie legate al mondo web, ai dispositivi mobili e ai social network: questo quanto emerge dall'ultimo Rapporto Assinform 2013, riportato da CorrierEconomia.

Ciò che emerge dai dati è che a sostenere il mercato sono i settori legati a internet, in particolare lo sviluppo di app, di contenuti multimediali e la pubblicità online. Bene anche la musica scaricata dai lettori Mp3 e la web-editoria.

Conquistano spazio, nel 2012 in Italia, smartphone, con 8,6 milioni di pezzi in circolazione, tablet, che hanno superato tra grandi formati da 10 pollici e i mini da 7 pollici, oltre 2 milioni di esemplari, e eBook per leggere libri e quotidiani in formato elettronico.

Secondo quanto spiegato da Paolo Angelucci, presidente Assinform, “Questi dispositivi hi-tech generano servizi associati, dimostrando non solo di essere immuni alla crisi, ma con una crescita nel 2012 del 7,5% sull'anno precedente, di contribuire al rilancio di nuovi modelli di consumo”.

Questa crescita è contemporaneamente accompagnata da un calo dell'It (information technology), che riguarda Pc desktop, notebook e servizi informatici non legati al web, che chiude il 2012 con un calo del 4%. Stesso discorso per il comparto Tlc (-3,5%), che mostra le difficoltà del nostro paese nello sviluppo delle trasmissioni in banda larga.

E poiché sembra che il ‘vecchio’ mondo dell'Ict (information communication technology) è destinato ad essere sostenuto sempre più dal contributo dei dispositivi mobili, “Ecco perché nel Rapporto parliamo di Global digital market (Gdm) come del mercato frutto della convergenza tra Ict e nuove tecnologie dei media e servizi digitali”, ha detto ancora Angelucci. “E saranno proprio queste tendenze ad aprire nuovi orizzonti tecnologici”.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il