BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Trimestrali Usa 2013: Coca-Cola, Yahoo, Goldman Sachs risultati positivi e la Borsa sale

Volano gli indici Usa: i risultati



Volano gli indici Usa e non deludono le due trimestrali più attese: Goldman Sachs ha annunciato un incremento dell’utile netto del 7% ed anche i ricavi hanno superato il consenso, mentre per Coca-Cola i conti che hanno battuto nettamente le previsioni e sembra che i massimi storici, stabiliti nel 1998, possano essere  superati nelle prossime sedute.

In particolare, Goldman Sachs ha chiuso il trimestre con profitti miliardari, riportando utili in rialzo del 7,2% a 2,26 miliardi di dollari tra gennaio e marzo. Le entrate nette sono a loro volta lievitate dell'1,4% a 10,09 miliardi.

Entrambe le cifre hanno superato i pronostici degli analisti, con 4,29 dollari di utili per azione contro i 3,88 dollari attesi e con revenue superiori ai 9,72 miliardi ipotizzati.

Coca Cola, invece, Coca-Cola, che ha visto calare del 15% l'utile del primo trimestre a causa dell'aumento di costi di ristrutturazione, del rialzo dei prezzi dei materiali grezzi, del calo della domanda di bibite negli Stati Uniti e dall'incertezza economica in Europa e in Cina.

Tuttavia il risultato ha rispettato le previsioni degli analisti, grazie all'aumento dei volumi in Sudamerica. Il colosso americano delle bibite ha registrato profitti per 1,75 miliardi di dollari, 39 centesimi per azione, in calo dai 2,05 miliardi, 45 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'anno scorso. Escludendo le voci straordinarie, l'utile si è attestato a 46 centesimi per azione.

Anche Yahoo, guidata dal neoamministratore delegato Marissa Meyer, ha superato le attese di bilancio nel primo trimestre dell'anno: i profitti sono lievitati del 36% a 390,3 milioni di dollari. Gli utili per azione sono stati pari a 35 centesimi contro i 23 previsti.

Il fatturato ha inoltre rispettato le aspettative a 1,07 miliardi di dollari, sostanzialmente invariato rispetto al 2012, in calo dello 0,3%. Solo due ribassi e precisamente: Verizon (-0,36%) e AT&T (-0,03%). S&P500 (+1,43%) non si ferma Citigroup (+3,99%) che precede Anadarko Petroleum (+3,38%), quindi News Corp (+3,06%) ed anche per la società di Murdoch i massimi assoluti sono a portata di mano.

Fra i pochi ribassi U.S. Bancorp (-1,77%), Goldman Sachs (-1,61%) e Apache Corp (-0,78%). Nasdaq (+1,50%) ancora l’incredibile Regeneron Pharma (+3,69%) che ritocca nuovamente il proprio massimo storico facendo segnare negli ultimi anni aumenti siderali, a seguire Viacom (+3,39%) che ha preceduto Micron Technology (+3,24%) il cui 2013 è semplicemente stratosferico (+55,68%), solo il biotecnologico Celgene, nell’anno in corso, ha fatto meglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il