BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni a rischio sia nuove che vecchie così come cassa integrazione: errori Riforma Fornero

Pensioni a rischio e Inps senza risorse: la situazione allarmante



Le pensioni che verranno erogate in questo mese di aprile saranno decisamente poche e il motivo e il rischio collasso dell’Inps, allarme lanciato dallo stesso presidente dell’Istituto, Antonio Matsropasqua.

Sembra, infatti, che l’Inps non abbia proprio possibilità di liquidarle. Sono, infatti, allarmanti i dati pensionistici da parte di un istituto interno all'Inps, il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dello stesso Ente, che spiega che due fattori hanno determinato una situazione di estrema difficoltà dell'Ente pensionistico italiano: se, infatti, all'inizio del 2011 l'Inps vantava delle riserve che ammontavano a ben 41 miliardi di euro, adesso le stesse arrivano ad appena 15 miliardi, una decurtazione di ben 26 miliardi in meno di due anni.

A determinare questa situazione di deficit la fusione tra Inpdap e Inps dello scorso anno, che ha portato all'Inps dieci miliardi di euro di buco ereditato dall'Inpdap; e il buco di trenta miliardi di euro che le Pubbliche Amministrazioni hanno creato negli ultimi anni, non pagando i contributi pensionistici a moltissimi dipendenti.

Il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell'Inps  sostiene che se la situazione continuerà con questo trend, presto saranno a rischio non solo le pensioni dei giovani, ma anche quelle degli anziani che sono già in essere.

Tutta questa situazione di squilibrio deriva anche dalle nuove norme della riforma delle pensioni firmata dal ministro Fornero che ha innalzato l’età pensionabile, introdotto il sistema contributivo per tutti, creando non pochi problemi a chi si apprestava ad andare in pensione, oltre a far nascere l’ormai tanto discussa questione esodati.

Secondo lo stesso Mastropasqua, “Ci vorrebbe qualcuno che mettesse mano a una riforma complessiva del welfare, dove sono comunque presenti anche le pensioni. Bisognerebbe avere il coraggio non solo di intervenire sul sistema previdenziale e sull'età di pensionamento ma sulle singole voci di pagamento, in modo chirurgico”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il