BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Scuola pensioni quota 96,ma anche supplenti non pagati,ferie,scatti arretrati: situazione 2013 grave

Le questioni irrisolte del mondo della scuola: cosa sta succedendo



Sono diverse le novità e le questioni irrisolte che stanno scuotendo il mondo della scuola, dal problema degli scatti di anzianità, alla questione pensionandi di Quota 96 ai pagamenti di stipendi e ferie per i supplenti.

Per quanto riguarda gli scatti di anzianità, è stato stabilito che il pagamento avverrà sulla rata di maggio 2013, con liquidazione di eventuali arretrati. Lo sblocco degli scatti stipendiali 2011 è arrivato dopo una lunga trattativa con i sindacati, FLCIGL esclusa, che ha condotto alla decurtazione del fondo di istituto e dei finanziamenti per le scuole in aree a rischio.

Nel mese di marzo erano stati, infatti, approvati i pagamenti degli scatti di anzianitià, almeno per il 2011. L’entrata in vigore del D.L. 78/2010 ha determinato il differimento di 3 anni in avanti del termine di maturazione delle classi stipendiali. Nel 2011 un decreto ha ridotto il ritardo a due anni e con il CCNL firmato da Gilda, Cisl, Uil e Snals (la Cgil non ha firmato) è stato recuperato un altro anno.

L’aumento medio così ottenuto è di circa 1000 euro l’anno per tutti e di circa 4mila euro sulla buonuscita (Tfs o Tfr). L’aumento produrrà effetti chiaramente anche sulla pensione. Si parla di aprile o maggio per l'applicazione pratica.

Alle scuole sarebbero già dovuti arrivati i fondi del FIS ridotti della percentuale prefissata dall'accordo. Resta ora da definire il reperimento dei fondi per il 2012 e per gli anni successivi. Per quanto riguarda la questione Quota 96 è ancora tutto in ballo, questa volta affidato alla Corte Costituzionale, dopo la sentenza negativa della Corte dei Conti.

Ma non si sa ancora nulla sui tempi in cui la Corte Costituzionale si pronuncerà e c’è già chi vorrebbe che ad intervenire sulla questione fosse la politica. Secondo quanto pronunciato dalla Corte dei Conti , ‘Non sussistono i presupposti per la richiesta sospensione cautelare dei provvedimenti in questione, posto che è controverso un diritto pretensivo di parte ricorrente e pertanto la Corte dei Conti, Sezione giurisdizionale per la Regione Lazio dichiara inammissibile l’istanza di sospensione dei provvedimenti impugnati’.

La questione era stata sottoposta alla Corte a causa di un errore commesso nello stilare la riforma Fornero delle pensioni che ha annullato i requisiti per il pensionamento a chi aveva come somma di servizio quota anni pari a 96, ma al termine del 31 agosto 2012 e non a quelli richiesti dalla riforma al 31 dicembre 2011, dimenticando che l'uscita per il personale docente è all'inizio dell'anno scolastico e non alla fine di quello solare.

Il governo tecnico guidato da Monti non ha, infatti, tenuto conto della specificità del Comparto Scuola, riconosciuta da leggi specifiche, eguagliandolo alle leggi generali di tutti gli altri settori della Pubblica Amministrazione, dimenticando che l'anno scolastico non coincide con l'anno solare e che si colloca, invece, a cavallo tra due anni solari, per cui nessun insegnante potrebbe abbandonare la sua classe il 31 dicembre.

E qualcosa sembra muoversi anche per la situazione pagamenti stipendi ai supplenti: secondo quanto stabilito da un recente decreto, infatti, per il pagamento dei supplenti, alle scuole sarà definito, presumibilmente a regime nel prossimo anno scolastico, un finanziamento con margine più ampio, più elevato nei primi mesi di scuola per poi scendere di fatto allo zero in agosto per far fronte alle eventuali necessità di pagamenti imprevisti per supplenze.

Le somme alle scuole con i conti in ordine sono già state accreditate, per le altre sono in corso di accertamento le somme richieste, ma l’Amministrazione cerca di fare il più in fretta possibile; per il 2013 le differenze tra le somme stanziate e quelle spese sono già state saldate.

Ciò di cui però non si parla è la questione ferie. In realtà manca ancora il parere dell'Ufficio legale del Ministero circa l'applicazione delle norme contenute nella Legge di Stabilità sulle ferie da parte dei supplenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il