BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati, pensioni, Precari PA, cassaintegrazione, imu, iva, tares:tanti problemi e nessuna soluzione

Una nuova manovra per le emergenze in Italia. Secondo il ministro Grilli “All’Italia non serve nuova manovra”



Nonostante quando dichiarato dalministro dell'Economia, Vittorio Grilli, secondo cui “All'Italia non serve una nuova Manovra perché abbiamo un bilancio in pareggio, se il governo individua altre priorità dovrà trovare la copertura”, in realtà per risolvere le urgenze del nostro Paese, dal problema della cassa integrazione, a quella degli esodati, a quelle di Imu, Iva, e Tares, sarebbe, invece, proprio necessaria una nuova manovra.

Secondo Grilli, “Per la Cig oggi ci sono i soldi, ci saranno anche per i prossimi mesi, e anche per le spese militari quest’anno ci sono. Il governo non ha lasciato spese scoperte.

Il prossimo esecutivo, comunque, dovrà decidere se vuole confermare le missioni o no e dovrà determinare come finanziarle”. In realtà, il prossimo governo, anche se il Def (Documento di economia e finanza) non lo dice, rischia di dover varare una manovra anche per quest’anno per coprire una serie di spese, dalla cassa integrazione alle missioni militari all’estero.

La versione definitiva del Def, infatti, è decisamente meno roseo delle anticipazioni. Bisognerà, dunque, pensare ad una nuova manovra aggiuntiva per finanziare alcune emergenze sociali che non hanno copertura nello schema di bilancio (il Documento di economia e finanza). 

Tra le priorità da risolvere sicuramente quelle di cassa integrazione ed esodati, ma c’è anche chi auspica possibili proroghe per il pagamento della temutissima Imu, tassa gli immobili, che, però, non prevederà alcuna novità, considerando che sono già state fissate le date di scadenza sia primo pagamento, previsto per il prossimo 17 giugno, sia di presentazione della dichiarazione (30 giugno) e i Comuni sono a lavoro per la definizione di eventuali nuove aliquote; e novità per la Tares, la nuova tassa sui rifiuti che da quest’anno sostituisce la vecchia Tarsu e che rappresenterà un’altra vera stangata per gli italiani. Senza considerare l'infinita questione esodati, ancora aperta nonostante i tre decreti di tutela per 130 individuati dal governo per la salvaguardia, e i precari che rischiano il licenziamento, con i contratti prossimi alla scadenza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il