BusinessOnline - Il portale per i decision maker




Sanatoria Immigrati 2013: tante domande in attesa risposte e molte respinte

A rilento le operazioni sanatoria immigrati: la situazione


Sta procedendo a rilento la procedura si sanatoria per gli immigrati e su 37mila domande concluse, ben un terzo è stata rigettata, ha detto il segretario confederale Guglielmo Loy.

A distanza di sei mesi dalla regolarizzazione, spiega Giuseppe Casucci, coordinatore del Dipartimento Politiche Migratorie della Uil, i dati di bilancio forniti dal Viminale (alla data del 9 aprile 2013) appaiono non certo entusiasmanti.

Su 134.747 domande presentate, ne sono state lavorate 82.190, così suddivise: 23.255 definite con la firma del contratto di soggiorno e la richiesta di permesso; altri 10.817 già convocati; 9.746 in fase di richiesta di integrazione documentale; 13.417 rigettate; 183 rinunce; 24.772 valutate positivamente e calendarizzate per la convocazione in questura.

“Da un'analisi dei dati del Viminale, continua Casucci, si è appurato che il 90% dei rigetti è dovuto all'impossibilità per il migrante irregolare di esibire la prova documentale di essere stato presente in Italia prima del 31 dicembre 2011.

Dunque non irregolarità documentali o assenza del posto di lavoro, ma solo una norma restrittiva imposta nella procedura, per non parlare degli alti costi della procedura e dei ‘lacci e lacciuoli’ che hanno contribuito a rendere meno efficace l'emersione”.




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il 19/04/2013 alle ore 11:08