BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Azioni Giappone ma anche Usa ed Europa per Aprile-Maggio-Giugno 2013. Le previsioni gestori

Azioni Usa e Giappone le favorite ma miglioramenti previsti anche per l’Europa nel 2013



Vola la Borsa Usa e la banca centrale di Tokyo sta lanciando una nuova strategia che prevede stampare moneta senza limiti, comprare bond al ritmo di 70 miliardi al mese, e far crollare il valore dello yen, e sembra che le Borse europee, compresa quella italiana, siano le più convincenti attualmente, nonostante l’imperversante crisi.

Gli investitori sono divisi tra chi considera i nuovi record registrati da Wall Street come un'ulteriore ragione di acquistare sull'azionario e chi invece li interpreta come un segnale che il rally globale del mercato si sia spinto troppo avanti.

“Gli investitori che guardano agli Usa potrebbero essere ulteriormente incoraggiati a mettere soldi nell'azionario europeo vista la forza del momento”, ha detto Joe Neighbour di Central Markets. Come spiega sul Sole 24 Ore Swiss & Global, società di gestione svizzera presente in circa 30 paesi, che nell'ultima nota di investimento presentata ai propri clienti afferma: “L'attrattiva relativa delle asset class viene determinata mediante la valutazione e le prospettive economiche.

La nostra politica d'investimento continua a concentrarsi sulle azioni. In base al rapporto prezzo/utili medio, attualmente le azioni presentano valutazioni più elevate, ma ravvisiamo ancora un potenziale di rialzo. Per quanto riguarda le azioni, i dati macroeconomici indicano che l'area euro è ancora in recessione, mentre la ripresa congiunturale negli Stati Uniti acquista slancio. La chiave di svolta per l'economia a stelle e strisce è stata senz'altro la ripresa del settore immobiliare.

Questo, spiegano gli analisti di Swiss & Global, dovrebbe imprimere nuovo slancio alla domanda di beni di consumo. Infine, lo sviluppo economico dell'area euro rimane tuttavia debole e persino l'economia tedesca non evidenzia più il vigore degli ultimi mesi: l'intera area euro è in recessione.

Nel complesso, tuttavia, prevediamo che nel corso del 2013 la situazione economica in Europa registrerà un miglioramento”.

Ciò su cui nei prossimi mesi punterà la società sono le imprese che sono state penalizzate dalla congiuntura negativa e che beneficeranno in misura superiore alla media della ripresa dell'economia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il