BusinessOnline - Il portale per i decision maker








CCT 2013: i migliori da scegliere. Tassi di interesse, prezzi, condizioni

Cct: cosa sono e conviene investirvi?



Sono titoli di Stato a medio-lungo termine di durata di 7 anni emessi dal Ministero del Tesoro per finanziare il debito pubblico. Si tratta dei Cct, che offrono rendimento a tasso variabile.

Solitamente gli interessi sono corrisposti tramite cedole semestrali posticipate (vi sono stati casi, in passato, di emissioni con cedola annuale), il cui rendimento è pari al rendimento dei Bot semestrali nell'ultima asta che precede il godimento della cedola, aumentato di uno spread che dal 1996 è stato fissato a 15 punti base (0,15%).

Il rimborso avviene alla pari in un'unica soluzione alla scadenza. I Cct rappresentano una sorta di alternativa ai Btp poiché, come riporta CorrierEconomia, gli interessi pagati semestralmente variano in base al rendimento dei bot semestrali o del tasso Euribor.

In questo particolare periodo di incertezza e in cui i tassi Euribor sono ai minimi, conviene investire in Cct innanzitutto per diversificare gli strumenti che si hanno in portafoglio e perché la maggior parte dei Cct sono inferiore al valore nominale, 100, e questo attira gli investitori.

Per le nuove emissioni di Cct si va da un minimo di 0,80 ad un massimo di 2,50 punti annuali. La scelta di puntare sui Cct sarebbe dunque consigliabile attualmente anche se sono in molto coloro che si chiedono se i  titoli di Stato italiani rappresentano ancora un’occasione d’investimento nel 2013. In realtà, fare previsioni è molto difficile, ma ci sono alcuni ‘segnali’, come andamento dello spread e le buone performance dei Btp che inducono a pensare che ne valga la pena.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il