BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pd domani martedì convocata direzione dopo dimissioni Bersani. Chi sarà nuovo segretario?

Matteo Renzi nuovo segretario Pd? “Io voglio fare il premier” dice il sindaco di Firenze



Pierluigi Bersani si dimette e il Partito Democratico ha bisogno di una nuova guida e domani si ragionerà sul futuro e, mentre si ragiona di direttori post-bersaniani e di congresso prossimo venturo, comincia a fare strada anche l’idea che si potrebbero scindere, modificando lo Statuto, le cariche di segretario democratico e di candidato premier del centrosinistra.

Una modifica che potrebbe aiutare non poco Matteo Renzi. “Io voglio fare il candidato premier”, conferma ai suoi il sindaco, e di fare il segretario gli importa poco. Franceschini, Fioroni ed Epifani, hanno chiesto a Bersani di ritirare le dimissioni, o, quanto meno, di congelarle fino al Congresso che verrà.

Anche gli ex ppi avrebbero voluto che Bersani cambiasse idea e portasse lui il partito fino al congresso, perché temono che la dipartita politica del segretario coincida con l’arrivo di una fine per tutti loro. “Matteo, sei l'ultima carta che abbiamo”, ha detto Dario Franceschini al sindaco di Firenze.

E la pensano nello stesso modo anche Veltroni, D'Alema e i Giovani turchi che puntano su di lui per il ricambio generazionale del gruppo dirigente. Il partito comunque regge., nonostante si sa già che qualcuno si dirigerà verso Sel ma non sarà una scissione vera e propria. Tutti hanno capito che alla fine dovranno trattare o accordarsi con Renzi. Quello è il futuro del Pd.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il