BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cassaintegrazione, esodati, pensioni, precari pubblica amministrazione: nuova manovra finanziaria

Gli interventi necessari per risolvere le principali questioni di Italia: cosa fare?



Sono questioni urgenti per cui è necessario reperire ulteriori risorse: si va dalla cassa integrazione, alle pensioni, alla questione esodati a quella del reperimento fonti per ‘salvare’ i contratti dei precari della pubblica amministrazione.

La soluzione al vaglio è quella di un piano di tagli alla spesa in due tranche da 7-10 miliardi e a beneficiare delle prime risorse che saranno reperite dovrebbero essere la Cig e i contratti di servizio (Poste, Fs e via dicendo).

Nel giro di poche settimane (se non addirittura di pochi giorni) dovrebbe scattare il rifinanziamento della Cig e potrebbero anche arrivare le risorse per i contatti di servizio, mentre con l'ormai tradizionale decreto estivo di giugno dovrebbero poi essere coperte tutte le altre voci: dal rifinanziamento delle missioni internazionali di pace agli esodati.

Con lo stesso decreto potrebbe anche essere rinviato all'inizio del prossimo anno l'aumento dell'ultima aliquota Iva in calendario il primo luglio. Qualche giorno fa il Fondo Monetario Internazionale aveva ribadito quanto sostenuto dall'attuale ministro dell'Economia, Vittorio Grilli, e cioè che in Italia non c'è bisogno di alcuna nuova manovra, al limite sarà necessario qualche piccolo aggiustamento.

Secondo il Fmi, il nostro paese dovrà mantenere alti livelli di avanzo primario a causa del debito elevato. Il Fmi continua: “Il deficit italiano si è previsto essersi attestato al 3% nel 2012, consentendo all'Italia di uscire dalla procedure per deficit eccessivo dell'Europa”. La nota sottolinea che la discesa proseguirà con il deficit che calerà al 2,6% del pil nel 2013 e al 2,3% nel 2014. Le stime includono il Def e il bilancio 2013.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il