BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Scatti di anzianità e contratti: blocco con nuovo Def 2013

Nuovo blocco scatti anzianità con Def 2013? Cosa cambierà?



Approda oggi in Parlamento il nuovo Def, documento che dovrebbe provvedere al reperimento di 7-10 miliardi di euro e ad un piano di tagli che dovranno finanziare le cosiddette spese indifferibili, dal rifinanziamento delle missioni internazionali di pace, alla cassa integrazione, agli esodati.

Si tenterà anche di evitare l'aumento dell'aliquota Iva prevista per il primo luglio 2013. I tecnici del Tesoro hanno già abbozzato una lista di interventi che dovrebbero andare a toccare la sanità e il pubblico impiego e tra le voci del pubblico impiego che verranno probabilmente toccate c'è il blocco degli scatti stipendiali fino al 2013 e, addirittura, del contratto fino al 2017.

Al momento si tratta solo di indiscrezioni trapelate che dovranno, o meno, trovare conferma dopo la discussione di oggi. Ma se così fosse salterebbero ulteriormente gli scatti di anzianità.

Al momento gli scatti di anzianità per il personale della scuola dovrebbero essere pagati con lo stipendio di maggio e il loro sblocco 2011 è arrivato dopo una lunga trattativa con i sindacati, FLCIGL esclusa, che ha condotto alla decurtazione del fondo di istituto e dei finanziamenti per le scuole in aree a rischio.

Nel mese di marzo erano stati, infatti, approvati i pagamenti degli scatti di anzianità, almeno per il 2011. L’entrata in vigore del D.L. 78/2010 ha determinato il differimento di 3 anni in avanti del termine di maturazione delle classi stipendiali.

Nel 2011 un decreto ha ridotto il ritardo a due anni e con il CCNL firmato da Gilda, Cisl, Uil e Snals (la Cgil non ha firmato) è stato recuperato un altro anno. L’aumento medio così ottenuto è di circa 1000 euro l’anno per tutti e di circa 4mila euro sulla buonuscita (Tfs o Tfr).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il