BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Btp-Bund in ribasso dopo nuovo governo 2013 ma economia reale sempre in crisi

Torna a scendere lo spread, torna la fiducia sui mercati ma poveri sempre più italiani: la situazione



Cala lo spread fra btp italiani e bund  tedeschi dopo la designazione del nuovo primo ministro, Enrico Letta, e la formazione di un  nuovo governo, ma l’economia reale vive ancora il suo massimo momento di crisi.

Lo spread, infatti, è sceso a 265 punti base e il Btp decennale sotto la soglia del 4% lordo (3,91%),ma l’economia reale, secondo i calcoli dell’Istat, vede una povertà dilagante in Italia e la politica non è ancora in grado di dare risposte concrete all’emergenza delle famiglie alle prese con una pressione fiscale altissima.

I rendimenti dei titoli di stato italiani sono tornati sui livelli pre-crisi facendo ben sperare per la tenuta delle finanze italiane e per una prossima ripresa economica.

Secondo gli analisti, lo sblocco dello stallo politico con la rielezione di Giorgio Napolitano alla Presidenza della Repubblica ha dato un notevole impulso, ma l’ascesa dei prezzi dei titoli di stato non può essere spiegata solo con ragioni politiche. Sul mercato, infatti, si è tornato a speculare su un possibile taglio del costo del denaro da parte della Bce.

Se il mondo della finanza tira un sospiro di sollievo, l’economia reale affonda e ‘Si può stimare un’area della povertà assoluta che raggiunge oggi oltre 4 milioni di persone’ secondo quanto si legge nella relazione presentata da Rete Imprese Italia.

Per l’associazione, si tratta di una valutazione prudenziale in quanto i poveri assoluti sono passati da 2,3 milioni del 2006 a 3,5 milioni nel 2011. “La crisi finanziaria, trasformandosi in crisi economica, è ormai prossima alla crisi sociale”.Crollano anche i consumi che scendono del 4% nelle prime 14 settimane del 2013, rispetto al 2012, come rileva l’Istat.

Oltre 7 famiglie su 10 (71%) negli anni della crisi hanno modificato quantità e qualità dei prodotti acquistati, eliminando anche le spese per visite mediche, analisi cliniche e radiografie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il