Btp: spread sempre più in basso e acquisti sempre più alti. I motivi. Non solo Governo Letta

Cala lo spread e torna l’euforia in Borsa: investimenti e previsioni



Torna a scendere lo spread fra Btp e Bund, arrivato a quota 270 punti, torna l'entusiasmo in Borsa e negli investitori e l'asta Btp di lunedì 29 aprile ha chiuso la giornata mettendo a segno un rialzo del 3,75%, con tassi d'interesse scesi al 3,92%, segno che è tornato, forte, l'interesse per i titoli di Stato tricolori, che negli ultimi giorni sono andati molto meglio dei Bonos.

Il motivo di questa rinnovata tendenza ‘positiva’ è chiaramente la formazione del governo guidata dal presidente Enrico Letta. Dopo due mesi di incertezza politica, infatti, si è accentuata l’ondata di fiducia all'esecutivo, iniziata, in realtà, già la scorsa settimana con la rielezione di Giorgio Napolitano alla Presidenza della Repubblica.

Ma, secondo Michele De Michelis, responsabile investimenti di Frame Asset Management, “Il trend rialzista non è scontato. E' un'euforia da esasperazione: come quando, in campionato, si gioisce per aver evitato la retrocessione. Da domani gli investitori seguiranno ogni azione concreta del nuovo governo”.

Ma ora l'Italia, che per mesi ha vissuto una situazione di stallo elettorale, priva di un governo e con un'economia in recessione profonda, e sembrava destinata a una progressiva emarginazione dai mercati, tanto da far paventare ad alcuni economisti un imminente ricorso agli aiuti europei, ha smentito ogni previsione drammatica e toccherà al nuovo governo dimostrare la capacità del Paese e delle istituzione di riportarsi agli ‘antichi fasti’.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il